ORESTE PERRI, PRIMO CAMPIONE MONDIALE DELLA STORIA DEL KAYAK AZZURRO

untitled
Oreste Perri in allenamento – da:docplayer.it

Articolo di Giovanni Manenti

Se la specialità della Canoa sprint è entrata di prepotenza nelle case degli italiani solo nel corso della “Edizione del Centenario” dei Giochi di Atlanta ’96 grazie alle imprese dei vari Antonio Rossi, Beniamino Bonomi e Daniele Scarpa, non molti sono a conoscenza del fatto che, dietro a questi straordinari risultati, vi è la mano di colui che, più di ogni altro, ha dedicato la propria intera esistenza a tale disciplina.

Costui, altri non è che Oreste Perri, nato a Castelverde, in provincia di Cremona, il 27 luglio 1951 ed il quale, come spesso accade negli sport del remo, viene indirizzato alla pratica di detta disciplina su consiglio medico per superare una qual certa gracilità di costituzione giovanile.

Consiglio che il giovane Oreste prende sin troppo alla lettera, dimostrando altresì una spiccata predisposizione a pagaiare tanto che, a soli 16 anni entra a far parte della “Canottieri Bissolati” di Cremona, storico sodalizio sportivo della città lombarda dove cresce sotto l’attenta guida del tecnico Renato Poli tanto che, 18enne, fa parte degli equipaggi del K-2 e K-4 1000metri, che si laureano entrambi Campioni italiani juniores nella rassegna di Orbetello ’69, stagione in cui viene selezionato quale componente del K-4 1000metri ai Campionati Europei Seniores di Mosca, armo che conclude al nono posto.

Ma è il successivo decennio quello in cui Perri emerge come uno dei più forti canoisti nel panorama remiero mondiale, iniziando con il dominare i Campionati Italiani assoluti ’70 con tre titoli nel K-1 1000 e 10mila metri, nonché nel K-4 1000metri per poi fare parte dell’equipaggio del K-4 10mila metri che si piazza quinto alla rassegna iridata di Copenaghen.

Perri, a cui l’attività fisica ha consentito di metter su un fisico di m.1,82 per 92kg., è una sorta di ”autodidatta stakanovista” della canoa, in quanto si sottopone in solitario a massacranti allenamenti lungo il corso del fiume Po, il che lo porta a letteralmente dominare una sorta di “maratona in acqua”, vale a dire la Roma-Fiumicino sulla distanza di 36km. nel 1971, anno in cui è ancora componente del K-4 10mila metri ai Campionati Mondiali di Belgrado, conclusi al sesto posto.

L’anno seguente sono in programma i Giochi di Monaco ’72 ed Oreste Perri viene selezionato dal tecnico rumeno Gheorghe Cojocaru per andare a completare, assieme ad Alberto Ughi, Pierangelo Congiu e Mario Pedretti, l’armo del K-4 1000 metri che si presenta in Baviera con l’ambizione di salire sul podio.

Esordio non propriamente felice, per il quartetto azzurro, che si vede costretto a ricorrere ai ripescaggi dopo essere finito quarto per soli 0”04 centesimi (3’19”69 a 3’19”77) rispetto all’armo svedese nella prima batteria, per poi “rimediare” agevolmente e qualificarsi per le semifinali in programma l’8 settembre ’72.

Inseriti nella terza serie – dopo che le prime due avevano visto il successo degli equipaggi di Romania ed Unione Sovietica con i rispettivi tempi di 3’09”98 e 3’09”68 – i canoisti italiani sono chiamati a confrontarsi con il quartetto norvegese Campione olimpico in carica, il quale ribadisce la propria volontà di replicare l’oro di Città del Messico ’68 imponendosi nel tempo di 3’08”72 ed il terzo posto azzurro alle spalle della Germania Ovest vale comunque loro l’accesso alla Finale del giorno dopo, 9 settembre.

Atto conclusivo in cui ad emergere sono quattro armi, tra cui è quello sovietico infine a distaccarsi con un margine che mantiene sino al traguardo, concludendo il proprio chilometro in 3’14”02 – ricordiamo a coloro che non fossero molto avvezzi a questo tipo di disciplina, che riscontri cronometrici così difformi tra una gara e l’altra sono spesso figli delle condizioni del bacino di regata – mentre la lotta per l’argento ed il bronzo si gioca sul filo dei centesimi ed ad uscire beffata è la canoa italiana, che conclude quarta in 3’15”60, a 0”33 centesimi dal bronzo norvegese ed a 0”53 centesimi dall’argento conquistato dalla Romania.

Una delusione immensa per Perri – prima dimostrazione di come la “Gloria Olimpica” rappresenti per lui una barriera invalicabile che   lo perseguiterà anche negli anni a seguire – che però reagisce nell’unica maniera a lui conosciuta, e cioè intensificando quanto più possibile il suo livello di allenamento, il che lo porta ad acquisire una capacità di resistenza sulle lunghe distanze che pochi riescono ad eguagliare.

Tale mole di lavoro ed indomito spirito di sacrificio danno i loro risultati in occasione dei Campionati Mondiali ’74 che si svolgono a Xochimilco, un sobborgo di Città del Messico, prima volta in cui la rassegna iridata ha luogo al di fuori del Vecchio Continente.

Iscritto nelle prove individuali del K-1 1000 e 10mila metri che più gli si addicono stante una qual certa caratteristica di individualismo che lo contraddistingue, Perri dimostra di poter dire la sua cogliendo il bronzo sulla più breve distanza alle spalle dell’ungherese Geza Csapo e del polacco Grzegorz Sledziewski, i quali confermano l’identico piazzamento dell’edizione precedente di Tampere ’73, dove sul gradino più basso del podio era salito il sovietico Aleksandr Shaparenko, viceversa dominatore sui 10 chilometri.

Canoista di origine ucraina al quale è proprio Perri ad impedire la soddisfazione del bis iridato – lui che, peraltro, conta già quattro medaglie d’oro e tre di bronzo ai mondiali – superandolo in Finale per quello che, a tutti gli effetti, è un evento “storico” per il panorama del remo azzurro, trattandosi del primo titolo iridato per i nostri colori nella storia della manifestazione, giunta alla sua undicesima edizione.

Sono in molti a ritenere – e probabilmente è una giusta chiave di lettura – che il canoista padano sia stato favorito dall’altitudine della capitale messicana, lui che della resistenza ha fatto il suo cavallo di battaglia, ma per i più scettici, la conferma viene l’anno seguente, allorché i Mondiali si disputano, per la seconda volta nella loro storia, a Belgrado dopo l’edizione del ’71 in cui, come ricorderete, Perri si era classificato sesto quale componente dell’equipaggio del K-4 10mila metri.

In un’edizione in cui Csapo torna sul trono iridato del K-1 m.500 dopo essere stato detronizzato l’anno prima in Messico dal rumeno Vasile Diba a cui rende la pariglia, il già citato polacco Sledziewski spera che tocchi finalmente a lui compiere identico percorso sulla distanza del K-1 m.1000 dopo due argenti consecutivi, visto che ad ospitare l’evento è la stessa Belgrado in cui si era laureato Campione mondiale nel ’71.

A lottare con lui a colpi di pagaia sino al traguardo è però Perri e la sfida è talmente incerta ed entusiasmante che neppure il fotofinish riesce a decifrare chi tra i due abbia avuto la meglio, così da assegnare salomonicamente ad entrambi la medaglia d’oro ex aequo, dubbi che, al contrario, non si verificano sulla distanza dei 10km., dove l’azzurro ribadisce la propria superiorità bissando il titolo iridato di Città del Messico dell’anno precedente e lasciando a debita distanza il tedesco occidentale Erich Pasch, al suo terzo argento iridato, ed il polacco Kazimierz Nikin, che occupano le piazze d’onore.

Rassegna iridata di Belgrado ’75 che, per i colori azzurri, non si limita alle sole imprese del 24enne cremonese in quanto, sulla sua scia, la coppia formata da Danio Merli e Giorgio Sbruzzi coglie un inatteso argento nella gara del K-2 10mila metri, unica altra volta che un italiano oltre a Perri sale su di un podio mondiale nel corso degli anni ’70 ed ’80 …!!

Il titolo conquistato da Perri sulla distanza del K1 m.1000 alimenta le speranze in casa azzurra in vista dell’appuntamento costituito dai Giochi di Montreal ’76, pur con l’indubbio handicap dovuto al fatto che il programma olimpico non prevede, a differenza di quello iridato, gare superiori ai m.1000 – avendo la prova sui 10mila metri fatto parte dello stesso unicamente per quattro edizioni, da Berlino ’36 sino a Melbourne ’56 – con ciò togliendo al nostro portacolori una importante, se non quasi certa, chance di medaglia …

Costretto così a far buon viso a cattivo gioco, Perri viene iscritto sulle prove del K-1 m.500 e m.1000, riuscendo peraltro a raggiungere la Finale anche sulla più breve distanza in cui non è chiaramente a proprio agio, pur concludendo la stessa non meglio che settimo in 1’50”27 rispetto all’1’46”41 con cui il rumeno Diba corona la sua eccellente carriera.

Unico, comunque, della nostra spedizione in Canada a raggiungere l’atto conclusivo, Perri intende vendere cara la pelle, dopotutto in veste di Campione iridato in carica, nella gara del K-1 m.1000, ad iniziare dalle batterie dove, inserito nella prima delle stesse, si permette di battere (3’55”67 a 3’57”46) una leggenda della specialità quale il più volte ricordato ungherese Csapo, mentre le altre due sono appannaggio del 20enne tedesco orientale Rudiger Helm – bronzo sulla più corta distanza – e della “vecchia conoscenza” Shaparenko.

Perri che si conferma anche il 29 luglio ’76, data in cui sono in programma le tre semifinali, infliggendo stavolta una netta sconfitta (3’50”19 a 3’51”69) nientemeno che a Diba, nel mentre le altre due serie confermano come, per la Finale in calendario due giorni dopo, sia schierato alla partenza il meglio del meglio della specialità, visto che nella seconda si impone il co-Campione mondiale polacco Sledziewski su Helm (3’46”88 a 3’47”82) così come nella terza a prevalere (3’44”77 a 3’45”30) è Csapo su Shaparenko.

Quando i nove finalisti si allineano alla partenza del 31 luglio ’76 alle ore 16:00 locali, i citati migliori sei mettono sul tavolo – a parte Helm data la sua giovane età – un totale di qualcosa come 18 titoli iridati, con il più medagliato dei quali, ovverossia l’ungherese Csapo, a cercare di colmare l’unica lacuna nel proprio invidiabile Palmarès.

Ed è difatti il magiaro a prendere decisamente la testa in avvio, mentre più prudente è l’atteggiamento di Helm che, quasi fosse un campione consumato invece di avere 20 anni ancora da compiere, transita quarto ai m.250 per poi risalire al secondo posto a metà gara e quindi sferrare l’attacco decisivo nella parte conclusiva, andando a cogliere un probabilmente insperato successo – il che non è altro che il primo di una lunghissima serie futura – che impedisce per soli 0”64 centesimi (3’48”20 a 3’48”84) a Csapo di mettere la classica “ciliegina sulla torta” ad una comunque straordinaria ed invidiabile carriera.

Le speranze di Perri che, viceversa, si sarebbe senza dubbio accontentato anche di un “semplice” podio, sono vanificate nel finale dal più giovane rumeno Diba, che lo precede di 1”48 (3’49”65 a 3’51”13) per un secondo, amaro quarto posto olimpico davanti a Shaparenko, nel mentre Sledziewski incorre in una controprestazione, concludendo mestamente non meglio che ottavo, addirittura …

Delusione che il 26enne di Cremona sfoga a modo suo, ovverossia con il terzo titolo mondiale consecutivo sulla distanza a lui preferita del K-1 10mila metri alla successiva rassegna iridata di Sofia ’77, dove coglie anche quel tanto sperato bronzo non raggiunto alle Olimpiadi nel K-1 m.1000, dove la sfida per l’oro vede stavolta il giovane Helm doversi accontentare dell’argento rispetto al rumeno Diba che fa doppietta dopo il titolo sulla più corta distanza del K-1 m.500.

Con l’edizione nella Capitale bulgara si conclude la collezione di medaglie di Perri nella rassegna iridata, costituita da 4 medaglie d’oro e 2 di bronzo che neppure un Campione del calibro di Antonio Rossi è riuscito ad eguagliare, “fermandosi” (si fa per dire …) a 3 Ori, altrettanti argenti ed un bronzo, pur se l’alfiere di Lecco ha dalla sua i tre trionfi olimpici tra Atlanta ’96 e Sydney ‘00 che lo proiettano ai vertici assoluti della specialità in Italia.

Perri però non vuole abbandonare l’attività senza tentare per un’ultima volta la carta olimpica, iscrivendosi alla sua terza esperienza nella Rassegna a cinque cerchi nell’edizione di Mosca ’80 nella sola gara del K-1 m.1000, dove è l’unico dei suoi grandi rivali delle passate sfide iridate ad essere ancora presente, centrando per la quarta volta in altrettante circostanze in cui è sceso in acqua la Finale olimpica, per la quale il boicottaggio imposto dal Presidente Usa Jimmy Carter non ha valenza alcuna, visto che anche ai Mondiali di Bonn dell’anno precedente a salire sul gradino più alto del podio erano stati solo atleti dell’Europa orientale, con la sola eccezione del K-2 m.1000 vinto dalla coppia norvegese formata da Einar Rasmussen ed Olaf Soyland.

Il più anziano dei 9 finalisti, Perri rende comunque onore al rispetto che si è guadagnato in un decennio di gare in giro per il pianeta, concludendo degnamente la sua carriera sportiva con un dignitoso quinto posto in 3’51”95 in una Finale interamente dominata dal tedesco orientale Helm, il quale conferma l’oro di Montreal trionfando in 3’48”77 con 1”43 di vantaggio sul francese Alain Lebas, che raggiunge sul bacino moscovita il punto più alto della sua attività agonistica.

Non crediate però che aver attaccato la pagaia al chiodo interrompa il rapporto d’amore che lega Perri con la canoa, visto che, non riuscendo più a salire su di un podio olimpico o mondiale, la Federazione pensa bene di affidargli, a conclusione delle Olimpiadi di Los Angeles ’84, l’incarico di Commissario Tecnico del Kayak Sprint, impegno che il 33enne cremonese prende quanto mai sul serio, iniziando a raccogliere un primo parziale frutto del proprio lavoro con il bronzo della coppia Francesco Uberti e Daniele Scarpa nel K-2 10mila metri ai Mondiali di Malines ’85, per poi guidare ben 6 spedizioni azzurre alle Olimpiadi, dai Giochi di Seul ’88 sino all’edizione di Pechino ’08.

E, per una sorta di rivincita delle delusioni subite da atleta, ecco che il lavoro di Perri viene ripagato con ben 12 medaglie conquistate tra settore maschile e femminile, di cui 4 Ori, 5 argenti e 3 bronzi, oltre a qualcosa come 9 medaglie d’oro iridate …

Uomo abituato alle grandi sfide, Perri si cimenta anche in politica, lasciando l’incarico in Federazione per assumere per un quinquennio – da giugno 2009 ad egual mese del ’14 – il ruolo di Sindaco di Cremona, sconfiggendo al ballottaggio (51,51% a 48,49%) il primo cittadino uscente Gian Carlo Corada, candidato del Centrosinistra, mentre lui si era candidato nelle file di una lista civica, appoggiata dal Popolo delle Libertà e dalla Lega Nord.

Un compito che, come si può facilmente intuire, Perri svolge con il massimo impegno, avendo egli stesso ad evidenziare la grande differenza tra l’attività sportiva e quella politica, allorché afferma come “essere un Campione è qualcosa di gratificante, e che appaga la tua ambizione, ma tutto finisce lì, mentre invece, quando assume la carica anche solo di un semplice Sindaco, ecco che occorre razionalità per rendersi conto che, al contrario non si è arrivati da nessuna parte” …

Concluso il proprio mandato, Perri rientra nell’ambito sportivo venendo eletto nel maggio 2015 Presidente del Comitato Regionale lombardo del CONI succedendo a Pierluigi Marzorati, per poi, è cronaca recente, tornare ad occuparsi a tempo pieno dello scopo principale della sua vita, essendo stato scelto dal Consiglio Federale della Canoa Sprint per assumere nuovamente l’incarico di Direttore Tecnico del settore, motivando la stessa per “le sue comprovate capacità tecniche, il carisma e la leadership, oltre che per la credibilità di cui gode nel mondo della canoa e non solo …”.

L’aver puntato ancora su Perri in tale ruolo è sintomo dell’esigenza avvertita dalla Federazione di avviare un programma che sia in grado di riportare la canoa azzurra ai vertici della specialità dopo i trionfi a cavallo del cambio di secolo, soprattutto in vista delle qualificazioni olimpiche del prossimo anno, con la speranza di poter rinverdire i fasti del passato, anche se la specialità è cambiata, come aveva avuto modo di rilevare lo stesso ex campione mondiale, allorché ebbe a dichiarare come “all’epoca in cui gareggiavo i migliori erano coloro che più di ogni altro riuscivano a spostare in avanti la soglia del dolore, la gara era sofferenza e chi riusciva a “morire in barca” vinceva, mentre al mondo d’oggi i metodi e sistemi di allenamento sono molto più sofisticati, pur se l’impegno e la disponibilità al sacrificio restano sempre i valori più importanti …

Non possiamo certo sapere quale sarà l’esito di questa nuova avventura intrapresa dell’oramai 67enne bandiera della nostra canoa, ma di una cosa siamo certi, ovverossia che non lascerà nulla di intentato per ottenere il massimo dai propri atleti per quella che si presenta, forse, come la più difficile, ma al tempo stesso affascinante, sfida della sua vita …!!

 

Annunci

IL TRIONFO DI GIUSEPPE E CARMINE ABBAGNALE AI GIOCHI DI SEUL 1988

4ad3a05b04dfdf6a22fb3b3406b94c93
Giuseppe e Carmine Abbagnale – da:pinterest.it

Articolo di Giovanni Manenti

Ogni volta che un Comitato Olimpico Nazionale stila la lista dei partecipanti ad una singola edizione dei Giochi, giocoforza viene fatta una previsione su quali atleti poter contare per ottenere una medaglia e, tra questi, coloro che possono ambire a salire sul gradino più alto del podio.

In vista dei Giochi di Seul ’88, i primi che tornano a vedere una partecipazione pressoché assoluta, dopo le due edizioni dimezzate di Mosca ’80 e Los Angeles ’84, in casa Italia ci si affida alla sempre prolifica scherma, così come alle lunghe distanze (mezzofondo prolungato, marcia e maratona) in atletica, mentre occorre valutare se, con il campo degli iscritti che comprende ora anche gli atleti del blocco sovietico, sia possibile confermare alcuni dei ben 14 ori conquistati a Los Angeles quattro anni prima.

Sotto questo aspetto, una delle maggiori speranze è riposta sull’armo del “due con”, composto dai fratelli Giuseppe e Carmine Abbagnale (timoniere Di Capua) che ai Giochi californiani si erano imposti con irrisoria facilità, rifilando all’equipaggio rumeno composto da Dimitrie Popescu e Vasile Tomoiaga un distacco abissale di oltre 5”, coprendo i 2mila metri del campo di regata in 7’05”99 rispetto ai 7’11”21 dei loro avversari.

Rowing At XXIII Summer Olympics
Carmine, Giuseppe e Di Capua a Los Angeles ’84 – da:gettyimages.ch

La maggiore competitività prevista ai Giochi coreani non è peraltro tale da poter spaventare i “Fratelloni d’Italia” (definizione loro affibbiata dal “mitico” telecronista Rai Giampiero Galeazzi …), in quanto nel quadriennio post olimpico gli stessi si sono affermati ai Mondiali di Hazewinkel ’85, in Belgio, avendo ancora la meglio sulla ricordata coppia rumena (6’53”40 a 6’56”04), per poi cedere nell’edizione successiva di Nottingham ’86 solo alla leggendaria coppia britannica formata da Steve Redgrave ed Andy Holmes, battuti con un distacco di 1”24 (6’51”66 a 6’52”90), e quindi riappropriarsi del titolo iridato a Copenaghen ’87, prendendosi la rivincita sull’equipaggio di Sua Maestà, con oltre 2” di margine (7’40”81 a 7’42”88).

Redgrave ed Holmes, che anche a Seul sono iscritti sia al “due con” (timoniere Patrick Sweeney) che al “due senza”, con cui l’anno prima si erano laureati Campioni mondiali in Patria, rappresentano una coppia di clienti molto poco raccomandabili assieme al lotto degli equipaggi dell’Europa orientale, che vede ancora sulla linea di partenza la citata coppia rumena, senza trascurare gli armi della Germania Est ed Unione Sovietica.

E che possano essere proprio i britannici l’armo da battere è dimostrato allorché gli stessi si affermano il 24 settembre nella Finale del “due senza” con il tempo di 6’36”84, precedendo l’armo rumeno composto da Dragos Neagu e Danut Dobre e quello jugoslavo formato da Bojan Presern e Sadik, Mujkic, che concludono le loro fatiche in 6’38”06 e 6’41”01, rispettivamente.

Quella che, pertanto, è considerata una sorta di “resa dei conti” tra gli Abbagnale e la leggenda Redgrave – capace di conquistare cinque medaglie d’oro in altrettante edizioni consecutive dei Giochi, da Los Angeles ’84 sino a Sydney 2000 – visto che i due equipaggi si sono scambiati i primi due gradini del podio nelle ultime due Rassegne iridate, ha un gustoso antipasto sin dalle batterie, allorché sono inseriti nella terza, unitamente ai rumeni Popescu e Tomolaga, con l’armo azzurro ad avere la meglio in 7’03”55 rispetto ai britannici ed ai rumeni che concludono in 7’04”04 e 7’04”48 rispettivamente.

Quanto elevata sia la, peraltro cavalleresca, rivalità tra i due equipaggi è palesato proprio dai citati riscontri cronometrici, laddove si consideri che le altre due batterie avevano visto imporsi l’armo tedesco orientale e quello sovietico con tempi rispettivamente di 7’11”24 e di 7’12”96 largamente superiori.

Il rischio che il voler prevalere ad ogni costo senza risparmiarsi sin dai primi colpi di remo possa influire sulle regate successive viene fugato da Giuseppe e Carmine allorché si migliorano scendendo sotto i 7’ netti nella prima delle due semifinali, in programma il 22 settembre ’88, conclusa in 6’56”62 davanti ai tedeschi orientali Mario Streit e Detlef Kirchoff, anch’essi sotto la citata barriera in 6’58”08 davanti alla coppia rumena che rema in un comunque eccellente tempo di 7’00″3’, lasciando gli altri a debita distanza.

Più controllata la seconda semifinale, dove ad imporsi sono i bulgari Emil Groitzov e Atanas Andreyev, che precedono di soli 0”28 centesimi (7’01”23 a 7’01”51) Holmes e Redgrave – ma giova ricordare che i britannici scendono in acqua dopo aver appena disputato la semifinale del “due senza”, che si aggiudicano in 6’45”03 – con la coppia sovietica formata da Andrey Korikov e Roman Kazantsev ad aggiudicarsi l’ultimo posto utile per la Finale in 7’01”78.

Sei equipaggi, dunque, racchiusi nello spazio di poco più di 5”, il che rende l’appuntamento conclusivo, che va in scena domenica 25 settembre, alle 10:50 ora locale, quanto mai incerto ed avvincente, pur se i favori del pronostico pendono sui fratelli di Pompei, dall’alto della loro maggiore esperienza in virtù del numero di successi iridati (ben quattro) sinora conquistati …

Con l’armo azzurro al centro del campo di regata, in acqua-3, mentre Holmes e Redgrave sono disposti in acqua-2, i bulgari in acqua-4 ed i tedeschi orientali in acqua-5, la tattica di Giuseppe (capovoga) e Carmine Abbagnale di partire sparati in avvio sorprende gli avversari, primi fra tutti i britannici che, al contrario, erano soliti prendere vantaggio in avvio così che, a metà gara, l’Italia è avanti in 3’23”43, con ben 3”28 di margine sull’armo bulgaro, Redgrave ed Holmes terzi a 5”25 ed i rumeni, partiti in acqua-6, quarti a 5”66 di distacco.

Rowing At XXIV Summer Olympics
Giuseppe e Carmine in azione nella Finale di Seul ’88 – da:gettyimades.ca

Posizioni che restano invariate al passaggio ai 1500 metri – dove gli azzurri transitano in 5’10”60, ma con il vantaggio che si dilata a 3”76 su Groitzov ed Andreyev, mentre è minimo il recupero di Redgrave ed Holmes che inseguono a 4”95, e gli altri hanno tutti distacchi superiori ai 6”30 – allorché i canottieri sono soliti dare fondo a tutte le loro residue energie in vista del “rush” finale, ma gli Abbagnale, sapientemente ritmati da “Peppiniello” Di Capua, riescono a mantenere un ritmo di vogata costante che consente loro di resistere al ritorno di Holmes e Redgrave e, soprattutto, dei tedeschi orientali Streit e Kirchoff, autori di una gara d’attesa sino a 500 metri dall’arrivo, sospinti (per così dire …) anche dall’incitamento vocale di Giampiero Galeazzi che, dagli schermi televisivi, sembra sempre al limite di un collasso.

Un Galeazzi che, dall’alto della sua esperienza (in gioventù è stato a sua volta canottiere, partecipando anche alle selezioni per i Giochi di Città del Messico ’68 …), è il primo ad accorgersi del ritorno imperioso della coppia tedesco orientale, il che costringe Giuseppe e Carmine ad un ultimo, decisivo sforzo per impedirne la completa rimonta, che si arresta a meno di 2” sul traguardo – negli ultimi 500 metri Streit e Kirchoff hanno recuperato quasi 5” …!! – con gli azzurri a trionfare e confermarsi Campioni olimpici in 6’58”79, con 1”84 di vantaggio sull’armo della Germania Est che soffia (7’00”63 a 7’01”95) l’argento ad Holmes e Redgrave, per quella che è l’unica sconfitta di quest’ultimo in sei Finali olimpiche disputate.

Italian brothers Carmine Abbagnale (L) a
Gli Abbagnale stremati all’arrivo – da:gettyimages.com.au

Il che va ad ulteriore merito dell’impresa dei fratelli Abbagnale che ora possono, con al collo una medaglia d’oro che vale una Gloria olimpica assoluta data l’edizione completa dei Giochi, affermare senza tema di smentita di essere i dominatori assoluti nella specialità del “due con” nell’intera decade degli anni ’80 ….

Una superiorità che non conosce ancora ostacoli, considerando come “la coppia più bella d’Italia” continui a mietere successi con altri tre titoli iridati consecutivi nel 1989, ’90 e ’91 prima di abdicare con onore ai Giochi di Barcellona ’92, sconfitti in una nuova emozionantissima Finale – per soli 1”15 (6’49”83 a 6’50”98) – dall’armo britannico anch’esso composto, ironia della sorte, da una coppia di fratelli, ovverossia Greg e Jonny Searle, altrettanto curiosamente di 10 anni esatti più giovani (del 1969 Jonny e del ’72 Greg, così come del 1959 è Giuseppe e del ’72 Carmine) …

Ma in quella fantastica ed ineguagliabile edizione dei Giochi, visto che siamo a parlare di dati anagrafici, non poteva mancare la classica “ciliegina sulla torta”, costituita dal completamento del trionfo a livello familiare, con anche il più piccolo degli Abbagnale, Agostino (classe 1966), a salire sul gradino più alto del podio (figurato, in quanto nel canottaggio le premiazioni si svolgono sul pontile senza podio …) quale componente del “quattro di coppia” che si afferma davanti a Norvegia e Germania Est a meno di un’ora di distanza dall’impresa dei due più famosi fratelli maggiori.

E come dare torto, pertanto, alla “Gazzetta dello Sport” che il giorno dopo se ne esce con un titolo a caratteri cubitali in prima pagina che recita “Siamo un popolo di Abbagnale” …

KAREN HOFF, A LONDRA 1948 IL PRIMO KAYAK D’ORO DI UNA DONNA OLIMPICA

Karen_Hoff_1948.jpg
Karen Hoff – da it.wikipedia.org

articolo di Nicola Pucci

Se l’edizione di Berlino del 1936 segna l’esordio nell’arengo a cinque cerchi della canoa/kayak, seppur solo per le competizioni maschili, dodici anni dopo, a Londra 1948, tocca alle ragazze poter dar saggio delle loro doti, ammesse infine a partecipare.

Le acque del Tamigi, ad Henley, dove addirittura dal 1839 va in scena la regata più prestigiosa al mondo, appunto la Henley Royal Regatta che ha celebrato nel tempo il mito dei campioni più grandi, accolgono stavolta le prove olimpiche l’11 e il 12 agosto, e se sarà per lo svedese Gert Fredriksson l’occasione per vincere i primi due ori di una collezione che si protrarrà fino a Roma 1960 per un totale di ben otto medaglie, tocca ad una ragazza danese, Karen Hoff, apporre la sua firma alla prima gara femminile di kayak ai Giochi, confortando così la sua Federazione che tanto aveva fatto pressione sul Comitato Olimpico Internazionale perchè a Londra potessero gareggiare anche le donne.

La Hoff nasce a Vorup il 29 maggio 1921, ed è al kayakclub Gudenå di Randers, ad un tiro di schioppo da casa, che apprende a pagaiare fin dall’età di 13 anni, coltivando la sua passione per il kayak a dispetto della mancanza di attività internazionale imposta dal secondo conflitto bellico. Karen ci sa indubbiamente fare, e quando le ostilità, infine, arrivano a termine, entra a far parte della Nazionale danese, partecipando ai primi campionati del mondo del dopoguerra, proprio a Londra nel 1948, seconda edizione dopo quella svedese di Vaxholm del 1938, che, a differenza delle Olimpiadi di Berlino di due anni prima, aveva visto scendere in acqua anche imbarcazioni condotte da donne.

In Inghilterra la Hoff gareggia nel K-2 500 metri, unica gara femminile in calendario, associata alla connazionale Bodil Margaretha Thirstedt-Svendsen, più esperta di lei se è vero che è classe 1916 e a Vaxholm era già stata medaglia di bronzo sia nella prova singola del K-1 600 metri che in quella di coppia del K-2 600 metri, stavolta assieme a Ruth Lange. E la coppia Hoff-Svendsen, che sposa perfettamente l’acume tattico di Bodil con l’esuberanza giovanile di Karin, non lascia chances alle avversarie, cogliendo il successo davanti alle cecoslovacche Kohoutova/Kostalova e alle austriache Schwingl/Liebhart.

Qualche mese più tardi, sull’onda lunga dei ripetuti successi in patria che vedranno la Hoff, una volta appesa la pagaia al chiodo, mettere in bacheca ben sette titoli nazionali, la ragazza danese viene selezionata per difendere i colori della Danimarca alle Olimpiadi di Londra, anche se il programma prevede la disputa della sola gara singola, il K-1 500 metri. Ed è a quella prova che Karin punta il mirino.

Al Royal Regatta di Henley, la mattina di giovedì 12 agosto, la Hoff si presenta in acqua con il suo kayak “limfjorden” (quello per capirsi progettato da Jorgen Samson e costruito dalla succursale danese della Struers) assieme ad altre 9 atlete, tra queste proprio Ruzena Kostalova e Friederike Schwingl, come la stessa Karin costrette a ripiegare sulla gara in solitaria. Sono da disputarsi due batterie, e se nella prima la Kostalova non ha problemi nell’imporsi con il tempo di 2’39″6 davanti alla finlandese Saimo, alla belga Van Marcke e alla francese Vautrin a loro volta ammesse alla finale a discapito della beniamina del pubblico inglese, Joyce Richards, desolatamente e nettamente ultima, nella seconda la Hoff avanza prepotentemente la sua candidatura alla medaglia d’oro sbaragliando la concorrenza, proposta dall’olandese Van der Anker, dalla stessa Schwingl e dall’ungherese Balfalvi, facendo pure segnare il miglior tempo, 2’32″2.

Nel pomeriggio le otto finaliste si presentano all’appello per l’atto risolutivo che non solo assegnerà il metallo più prezioso, ma destinerà all’immortalità chi per prima sarà capace di giungere al traguardo dopo 500 metri di strenua fatica. E la Hoff, forte dei favori del pronostico dopo l’esibizione in batteria, non fallisce il suo personale appuntamento con la gloria, facendo fin da subito gara di testa per andare infine a trionfare con il tempo di 2’31″9, ovvero tre decimi ancora meglio della sua prima esibizione. Alle spalle della danese, che appare subito inavvicinabile per le avversarie, si libra la battaglia per le due altre piazze sul podio che vedono in lizza le stesse protagoniste che già avevano pagaiato in batteria con la Hoff, ovvero Van der Anker e Schwingl, con l’olandese che infine sopravanza la rivale per il battito di ciglio di 0″01 decimo, con la Balfalvi costretta ad accontentarsi del quarto posto ad oltre un secondo e la Kostalova non meglio che quinta, ad altri cinque secondi di ritardo.

La Huff entra di diritto nella storia delle Olimpiadi e nell’enciclopedia aurea del kayak, e quindi pazienza se due anni dopo ai Mondiali di Copenaghen, davanti al pubblico amico, sarà solo seconda alle spalle della finlandese Sylvi Saimo (sesta a Londra) che le succederà nell’albo d’oro ai Giochi vincendo ad Helsinki nel 1952. E’ lei la prima donna ad esser salita sul gradino più alto del podio in una gara olimpica di kayak, e questo è un vanto che nessuno potrà mai negarle. Ah, dimenticavo: da quel lontano 12 agosto 1948 la Danimarca attende ancora che qualche campionessa del kayak sappia fare altrettanto, vincere l’oro…

 

 

 

CLIMENT E LASURTEGUI, CANOTTIERI D’ARGENTO CHE A LOS ANGELES 1984 REGALARONO ALLA SPAGNA L’UNICA MEDAGLIA

cli.jpg
Climent e Lasurtegui – da laliga4sports.es

articolo di Nicola Pucci

Date ad uno spagnolo preferibilmente un pallone da calcio e state pur certi che lo convertirà in qualcosa di prezioso; provate altrimenti a metterlo in bicicletta e lo troverete tra i primi della classe sulle montagne più impervie; fategli impugnare una racchetta e la vittoria probabilmente gli sorriderà. Ma se si tratta di scendere in acqua a bordo di un’imbarcazione ed indossare i panni del canottiere, beh, qui la storia è molto ma molto più complessa.

Non che la Spagna abbia un palmares olimpico così clamoroso come potrebbe far pensare la sua abilità sportiva di oggi. Ad eccezione della vittoria nella pelota basca (e poteva essere altrimenti?) ai Giochi di Parigi del 1900 e nel salto ad ostacoli a squadre a quelli di Amsterdam nel 1928, solo nel 1980 a Mosca il paese iberico è tornato sul gradino più alto del podio, iniziando da quell’edizione la collezione di medaglie che dopo Rio de Janeiro 2016 conta 44 ori, 63 argenti e 41 bronzi. Tra questi, c’è un solo metallo colto nel canottaggio, risale alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984, gli artefici furono Luis Maria Lasurtegui e Fernando Climent e a loro, oggi, dedichiamo una pagina speciale dell’enciclopedia dello sport.

La storia dei due ragazzi spagnoli percorre strade diverse, se è vero che Climent, nato nei pressi di Siviglia il 27 maggio 1958 da una famiglia valenciana dedita alla coltivazione del riso, comincia a remare all’età di 14 anni al Club Nao Victoria della città andalusa. Già campione nazionale cadetti nel quattro di coppia, si trasferisce poi al Club Banyoles di Girona, e di qui prende avvio la sua carriera che lo vedrà partecipare a ben 17 edizioni dei Mondiali, cogliendo cinque medaglie tra il 1977 e il 1982 con l’equipaggio dell’8 con leggero, tra cui l’oro all’edizione di Bled del 1979.

Lasurtegui, dal canto suo, è di due anni più anziano, essendo nato in provincia di Guipuzcoa il 28 marzo 1956, e se la sua attività si associa, da sempre, a quella del compagno d’armo e amico  José Ramón Oyarzábal, quando questi si ammala di bronchite ecco che Luis Maria viene accoppiato proprio a Fernando, e di qui nasce un sodalizio che sarà fortunato. Soprattutto in sede olimpica, con l’uno, Climent, abituato alle imbarcazioni più leggere e l’altro, Lasurtegui, già quarto a Mosca nel 1980 nel 4 con, che pesa ben 20 chili più del collega, a supportare con la forza delle braccia l’eccellente senso strategico del compagno.

In virtù del controboicottaggio dei paesi del blocco comunista, a Los Angeles sono assenti Germania Est ed Unione Sovietica, che hanno dominato la scena non solo ai Mondiali di Duisburg del 1983, ma sono pure i due equipaggi che occuparono i primi due gradini del podio alle Olimpiadi di Mosca. I favori del pronostico sono pertanto orientati verso il 2 senza norvegese che ha in Hans Magnus Grepperud e Sverre Loken i detentori del titolo iridato nel 1982 a Lucerna, nonchè medaglie di bronzo proprio all’ultima rassegna mondiale, con gli olandesi Joost Adema e Sjoerd Hoekstra, terzi a loro volta a Lucerna, come seri candidati ad occupare una delle tre piazze a medaglia.

Ma nel bacino del Lake Casitas le gerarchie stanno per essere rivoluzionate, quando 14 equipaggi, tra i quali gli azzurri Marco Romano e Pasquale Aiese, si danno appuntamento per le gare che si disputano dal 31 luglio al 5 agosto. Si comincia con tre  batterie che promuovono le prime tre formazioni di ogni serie alle semifinali, e se nella prima il 2 senza tedesco anticipa di un soffio Climent e Lasurtegui, 6’53″83 contro 6’54″34 segnando i due migliori tempi, Norvegia e proprio Italia si impongono nelle altre due batterie, che non riservano sorprese, con Svizzera, Argentina e Brasile poi qualificate grazie alla prova di ripescaggio che boccia solo Canada ed Australia.

Il 2 agosto sono di scena le due semifinali, che qualificano alla finale le prime tre imbarcazioni di ciascuna serie, e qui le cose cominciano a farsi interessanti. La Norvegia conferma il suo status di pretendente alla medaglia d’oro vincendo facilmente la prima con il secondo miglior cronometro, 6’53″52 davanti a Germania e Stati Uniti, ma a destar sensazione è la sorprendente coppia rumena, formata da Petru Iosub e Valer Toma, che con il tempo di 6’53″23 non solo si lascia alle spalle di un soffio proprio l’armo spagnolo e più nettamente l’Italia, ma si prende il lusso di far meglio degli scandinavi. E questo è un bel biglietto da visita per la finalissima del 5 agosto.

Romania, Norvegia e Spagna, dunque, scendono in acqua da favorite per l’atto decisivo, con le vincitrici delle due semifinali ad occupare le due corsie centrali, con Climent e Lasurtegui e Germania al loro fianco e con Italia e Stati Uniti nelle due corsie esterne. In verità le posizioni si cristallizzano fin dalle prime battute, con il 2 senza rumeno che prende la testa della gara per non lasciare agli equipaggi rivali alcuna chances di rimonta. Ma quel che avviene alle spalle di Iosub e Toma, che vanno a cogliere la medaglia d’oro con il tempo di 6’45″39, ha del clamoroso, non tanto perchè i due spagnoli si piazzano in seconda posizione per non mollarla più, ma perché da quel lontano 1900 quando la Spagna entrò nel medagliere olimpico, è il primo metallo della sua storia nel canottaggio. Ad oggi, addirittura l’unico. E quando Climent e Lasurtegui tagliano la linea d’arrivo in 6’48″87, lasciando a loro volta i deludentissimi e delusi norvegesi a tre secondi di distacco, si alza alto l’urlo “argento, argento, argento!“, che in terra di Spagna è impresa da tramandare ai posteri. Perché calcio, ciclismo e tennis regalano successi a iosa, ma il canottaggio… quando mai?

 

HERMANN BARRELET, L’UNICO SINGOLO D’ORO DEL CANOTTAGGIO FRANCESE

hermann-barrelet-ce666700-ad59-47eb-a466-60ec66e028b-resize-750.jpg
Hermann Barrelet – da alchetron.com

articolo di Nicola Pucci

Il francese Hermann Barrelet detiene ad oggi un record ancora imbattuto: alle Olimpiadi di Parigi del 1900 vinse la prova di singolo del canottaggio e mai in seguito un transalpino è stato capace di fare altrettanto.

Non ancora ventunenne, nato in Svizzera a Neuchatel ed affiliato alla Società nautica d’Enghien, campione di Francia nel 1898, Barrelet è tra i più attesi all’appuntamento a cinque cerchi e il 25 agosto, nel bacino d’Asnières-Courbevoie dove si svolgono le regate, già in batteria mette in chiaro quelle che sono le sue ambizioni. Alla prova sono iscritti 12 atleti, tra questi il britannico nato a Malta Saint-George Ashe che nella prima serie segna il tempo di 6’38″8. Barrelet scende in acqua nella batteria successiva, e curiosamente fa segnare lo stesso tempo del rivale, precedendo a sua volta il connazionale André Gaudin, che gli è succeduto come campione di Francia nel 1899, con Louis Prevel che nella terza batteria firma la miglior prestazione in 6’29″6 e Georges Delaporte che nell’ultima serie porta la sua imbarcazione a tagliare il traguardo in 6’33″8. In semifinale Barrelet è il più veloce, 8’23″0, precedendo lo stesso Gaudin ed Ashe, con  Prevel e Robert d’Heilly che completano i quintetto che il 26 agosto si da appuntamento per la regata decisiva.

Sulle due prove di Ashe, ad onor del vero, pende la spada di Damocle di una possibile squalifica, parrebbe per aver invaso in batteria la corsia occupata dal francese Raymond Benoit. Ma infine il canottiere britannico viene ammesso alla semifinale, e pure qui con il terzo posto non si guadagnerebbe il passaggio del turno. La sua protesta viene nondimeno accolta, e nonostante il disappunto degli stessi Barrelet e Gaudin, che lo hanno preceduto al traguardo, che minacciano di non prendere il via della gara, la finale può regolarmente andare in scena, con Ashe che si merita la qualificazione come miglior terzo.

E qui, sulla distanza di 1750 metri che copre il tratto tra il ponte Bineau e il ponte ferroviario d’Asnieres, Barrelet ancora una volta conferma appieno le sue doti. Hermann, infatti,  impiega 7 minuti 35 secondi 6 decimi a mettere la sua prua davanti a quella dei suoi avversari, anticipando nettamente Gaudin che viene distanziato di ben 6 secondi, mentre Ashe è terzo, soffiando la medaglia di bronzo a d’Heilly che chiude quarto staccato di soli 4 decimi, con Prevel costretto all’abbandono.

Per Hermann Barrelet, che diventa non solo il primo francese ma anche il primo canottiere a trionfare nella prova di singolo alle Olimpiadi, è l’apoteosi e l’anno dopo, nelle acque di lago di Zurigo, rinnoverà l’appuntamento con la vittoria meritandosi anche il titolo di campione d’Europa, per poi passare all’otto con cui sarà nuovamente il migliore nel 1909 e al doppio con il russo Anatole Peresselenzeff, pure qui vincendo agli Europei del 1913. Ma ben più di 100 anni dopo, la Francia attende ancora un canottiere che sia capace di eguagliarlo: quando mai un oro olimpico nel singolo verrà celebrato con le note della Marsigliese?

OLAF TUFTE, IL CANOTTIERE D’ORO DI NORVEGIA CHE A PECHINO 2008 ENTRO’ NELLA STORIA

olaf.jpg
Olaf Tufte – da vg.no

articolo di Nicola Pucci

Il nome di Olaf Tufte, norvegese di Tonsberg, classe 1976, è tra i più prestigiosi dell’intera storia del canottaggio. Il suo palmares olimpico, che va a sommarsi alle due medaglie d’oro iridate, a Lucerna nel 2001 e all’Idroscalo di Milano nel 2003 entrambe nella gara a lui più congeniale, quella del singolo, di cui può vantare anche un argento e due bronzi, illustra ben sei partecipazioni ai Giochi, da Atlanta 1996 quando fu ottavo nel quattro senza, a Rio 2016, capace a 40 anni di cogliere ancora una medaglia di bronzo nel due di coppia. Ma è alle Olimpiadi di Pechino del 2008 che Tufte entra definitivamente nell’almanacco dei campionissimi del canottaggio, bissando l’oro conquistato quattro anni prima ad Atene 2004 nella prova di singolo, quando ebbe la meglio dell’estone Juri Jaanson e del bulgaro Ivo Yanakiev.

Ai Giochi cinesi, in verità, Tufte si presenta non proprio nei panni del principale favorito alla vittoria, battuto come è stato sia alla kermesse iridata di Kaizu 2005 (secondo) che a quella di Monaco di Baviera 2007 (terzo) dal neozelandese Mahe Drysdale, campione del mondo pure nel 2006 a Eton. Insomma, l’oceanico ha infilato un tris di successi mondiali che ne fanno l’avversario più tenace da affrontare alle Olimpiadi. A cui si aggiunge, in veste di terzo incomodo, il ceco Ondrej Synek, che nelle tre edizioni citate ha colto due terzi ed un secondo posto.

Si comincia con le batterie del 9 agosto al Shunyi Olympic Rowing-Canoeing Park, che vedono in lizza 33 canottieri. Drysdale, Tufte e Synek vincono le rispettive serie, accedendo ai quarti di finale, al pari dello svedese Lassi Karonen che fissa in 7’14″64 il miglior tempo. Ai quarti di finale la storia si ripete, i tre favoriti battono i rivali che si trovano ad affrontare, ma è ancora un quarto atleta, stavolta il tedesco Marcel Hacker, bronzo a Sydney 2000, a remare più rapidamente di tutti, 6’48″85. 

Le cose cominciano a farsi serie nelle due semifinali, la prima delle quali è appannaggio ancora di Karonen, che in 6’57″28 batte proprio Tufte di circa un secondo, mentre nella seconda Synek e il britannico si mettono alle spalle Drysdale che non pare al meglio della condizioni. 

Ed in effetti il campione del mondo in carica fallisce l’assalto alla medaglia d’oro (si rifarà quattro anni dopo a Londra), in una finale in cui Tufte, Synek e Drysdale, ovvero i protagonisti più attesi, si spartiscono la scena, battagliando tra loro sul filo dei centesimi. Nei metri conclusivi è infine Tufte a mettere la punta della sua imbarcazione davanti a quella del ceco e con il tempo di 6’59″83 taglia per primo il traguardo, anticipando Synek di otto decimi ed un deluso Drysdale di poco meno di due secondi. Tufte è così nuovamente campione olimpico, primo ed unico atleta norvegese a primeggiare nella specialità del singolo, e si guadagna, caso mai ce ne fosse ancora bisogno, un posto nel Gotha del canottaggio internazionale. Accanto a leggende che si chiamano Vyacheslav Ivanov, Pertti Karppinen e Thomas Lange.

IL 4 DI COPPIA FEMMINILE CHE REGALO’ IL PRIMO ORO OLIMPICO NEL CANOTTAGGIO ALLA CINA

cano.jpg
Il 4 di coppia cinese – da english.sina.com

articolo di Nicola Pucci

Tang Bin, Jin Ziwei, Xi Aihua e Zhang Yangyan. Sì, lo so, è maledettamente complicato impararli a memoria, per assonanza fonetica più simili ad uno scioglilingua che ad un quartetto di nomi. Ma in Cina, perché è da lì che provengono, hanno pari valore a quattro eroine della mitologia, perché non troppo tempo fa, 2008, regalarono al paese del Grande Dragone il primo e ad oggi ancora unico oro della storia del canottaggio olimpico.

Stiamo parlando di quattro ragazzotte di struttura massiccia, ben oltre i parametri di misurazione di quel lontano paese, se è vero che tutte loro raggiungono i 180 centimetri di altezza e i 75 chilogrammi di peso, ma distribuiscono perfettamente le loro fattezze fisiche e la forza delle loro braccia, tanto da essere eccellenti nell’arte di remare. E quando il CIO assegna proprio alla Cina l’organizzazione della XXIX edizione dei Giochi olimpici, pur non ancora assieme, tracciano sul loro personalissimo calendario la data del 17 agosto 2008 con il circoletto rosso. Perché quello è il giorno della finale del 4 di coppia femminile e le quattro ragazze vogliono, fortemente vogliono, fare la storia.

In effetti all’appuntamento a cinque cerchi sono ben altri gli armi candidati ai posti sul podio. Innanzitutto ci sono le tedesche, dell’Est o unificate, che da quando la gara è entrata a far parte del programma olimpico, ovvero a far data dal 1976, hanno sempre vinto la medaglia d’oro, ad eccezione del 1984 quando a Los Angeles a trionfare furono le rumene. Beh, ovvio, in quell’edizione falsata dal boicottaggio, la Germania Orientale non era presente. E a Pechino il quartetto composto da Oppelt, Lutze (presente nel 2000 a Sydney e nel 2004 ad Atene), Boron (che vinse nel 1996 ad Atlanta e nel 2004) e Schiller, novizia in sede olimpica, non hanno proprio intenzione di interrompere la striscia.

Ci sono poi le inglesi Vernon, Flood, Houghton e Grainger, che a turno, ad eccezione della Vernon che è all’esordio ai Giochi, hanno preso parte alle due rassegne precedenti sempre salendo sul secondo gradino del podio, ma hanno dalla loro la forza dei risultati più recenti, avendo vinto il titolo mondiale nel 2005 a Gifu, nel 2006 in casa ad Eton e nel 2007 a Monaco, depredando proprio la Germania di un titolo che tra il 1985 e il 2002 non era mai sfuggito loro. Russia ed Australia hanno trovato posto sui gradini più bassi del podio ed avanzano, pertanto, la loro candidatura se non proprio al titolo olimpico almeno a mettersi al collo uno dei metalli meno preziosi.

Ma torniamo alle nostre quattro ragazze cinesi, che già cominciano a comparire negli albi d’oro di un certo pregio, appunto cogliendo il bronzo alla kermesse iridata in Germania, chiudendo a meno di due secondi dalle tedesche che si piazzano seconde. In vista delle Olimpiadi di Pechino Zhang Yangyan, giovincella di poco più che 19enne, rimpiazza Feng Guixin, e il suo contributo ai Giochi si rivelerà decisivo.

Appuntamento dunque al Shunyi Olympic Rowing-Canoeing Park, 10 agosto 2008, quando gli otto equipaggi iscritti alla gara sono chiamati al primo confronto probante, ovvero quello proposto dalle due batterie. Per uno strano scherzo del destino la Cina viene inserita nella prima serie, così come Ucraina, Canada e Russia, ed in effetti il quattro di coppia di casa non ha problema alcuno nel garantirsi la qualificazione diretta alla finale con il primo posto in 6’11″83, nettamente davanti alle imbarcazioni rivali, mentre le due principali favorite alla vittoria finale, Gran Bretagna e Germania, si trovano a dover gareggiare l’una contro l’altra nella seconda sessione. Infine sono le campionesse del mondo a confermarsi più forti, esattamente come accaduto qualche settimana prima anche nel test della World Rowing Cup nelle acque prestigiose del Lago di Lucerna, 6’13″70 contro 6’15″26, obbligando l’armo tedesco, il 12 agosto, a dover passare per il supplementare turno di ripescaggio, risolto con la prevista qualificazione all’atto decisivo, al pari anche di Stati Uniti, Australia ed Ucraina che chiudono nell’ordine.

17 agosto 2008, dunque, giorno in cui le quattro ragazze cinesi tornano a gareggiare, affiancate in acqua 4 alle britanniche, che si avviano alla loro sinistra, con la Germania campionessa in carica che rema in acqua 2. Le tre imbarcazioni si giocano un posto al sole, sotto un cielo velato di grigio e che lascia solo intuire i raggi dietro la coltre di inquinamento che avvolge Pechino. Il copione pare scontato, con le britanniche a fare gara di testa, passando ai 500 metri in 1’29″98, con Germania e Cina ad oltre un secondo, ai 1000 metri in 3’05″85, con la Cina a scavalcare la Germania e ridurre il disavanzo a 1″01, ai 1500 metri in 4’42″13, con la Cina riallontanata a 1″47 e che pare ormai doversi accontentare di una comunque stupefacente medaglia d’argento.

Sia mai. Le quattro ragazze che battono bandiera cinese, spinte ben oltre i loro limiti dagli incitamenti dell’appassionato pubblico, che metro dopo metro sale di intensità, gettano il cuore oltre l’ostacolo; Tang Bin detta il ritmo,  Jin Ziwei (che fu amaramente quarta con l’otto ad Atene 2004) ci mette l’esperienza, Xi Aihua spinge come una forsennata e la giovanissima Zhang Yangyan, affatto impressionata dall’importanza di quel che sta per accadere, non è da meno alle compagne. Nel frastuono assordante che viene dalle tribune il 4 di coppia cinese progetta e mette in atto una rimonta clamorosa, l’imbarcazione sembra appena accarezzare l’acqua per quanto è veloce, così come quella inglese sembra zavorrata dall’imperativo di dover vincere ad ogni costo un titolo che nessuno pensa possa loro sfuggire. E così, quando ai meno 100 metri dal traguardo la prua cinese mette la testa avanti, infine 6’16″06 contro il 6’17″37 delle afflitte britanniche, si consuma l’impresa e il canottaggio apre la sua enciclopedia olimpica a quattro ragazze con gli occhi a mandorla. “E’ proprio come in un sogno“, afferma Tang Bin, che da quel 17 agosto 2008 porta al collo, lei come Jin Ziwei, Xi Aihua e Zhang Yangyan, una medaglia d’oro. E dalle parti di Pechino questa è una prodezza che ha i crismi dell’eccezione.

 

LE TRE REGATE D’ORO ALLE OLIMPIADI DI VJACESLAV IVANOV

Vyacheslav_N_Ivanov_1964.jpg
Vjaceslav Ivanov – da commons.wikimedia.org

articolo di Nicola Pucci

Quando si parla di Vjaceslav Ivanov, sappiate, cari lettori, che stiamo trattando del canottiere più forte della storia, unico capace di infilare una tripletta olimpica d’oro nella gara di singolo, al pari dell’altro mammasantissima della regata in solitario, il finnico Pertti Karppinen.

Eppure Ivanov ha seriamente rischiato, da ragazzo, non solo di dover rinunciare all’attività fisica per una forma di cardiopatia reumatica, ma anche di dirottarsi verso altre discipline, soprattutto il pugilato se è vero che Vjaceslav, nato a Mosca il 30 luglio 1938, ha cominciato a dare di boxe appena 12enne al club Spartak, per poi combinare l’attività in palestra con quella sull’armo singolo dal 1952, nelle acque della Moscova. E seppur sia dotato in entrambi gli esercizi sportivi, infine vira verso il canottaggio e i bacini di mezzo mondo, così come gli addetti ai lavori, gliene saranno riconoscenti, per tutto quello di memorabile che è in procinto di realizzare vogando.

Nel 1955, poco più che 17enne, Ivanov è già il miglior juniores dell’Unione Sovietica e quando è chiamato a gareggiare tra i seniores, coglie un promettentissimo terzo posto prendendosi il lusso di battere quel Yuri Tyukalov che tre anni prima, ai Giochi di Helsinki del 1952, si è fregiato del titolo di campione olimpico. Ed è proprio nella sede a cinque cerchi, programmata per il 1956 in quel di Melbourne, che Ivanov comincia a scrivere la prima pagina di una storia agonistica che lo destinerà all’immortalità.

E’ bene precisare che Ivanov, quando si presenta ai nastri di partenza della prova olimpica, ha già colto nelle acque del lago di Bled il primo di una serie di quattro titoli europei battendo il tedesco Von Fersen e il polacco Kocerka, e quindi, nonostante la giovane età, non è certo un novellino. Anzi, al Lago Wendouree è ben deciso a far valere la sua candidatura alla medaglia d’oro. E la finale, alla quale il sovietico si qualifica vincendo in 7’26″1 la prima batteria e facendo registrare in 9’02″7 il miglior tempo in semifinale, conferma le attitudini di Ivanov che, fedele al piano tattico che lo renderà celebre di partire in sordina per poi uscire alla distanza con un rush irresistibile, si trova a dover rimontare quel John Brendan Kelly Jr. che altri non è che il figlio del John Brendan Kelly sr. vincitore nel singolo (e nel due di coppia) ai Giochi di Anversa del 1920 e fratello della Principessa Grace, nonché l’australiano McKenzie, che prima dell’atto decisivo lo apostrofa provocatoriamente “tu non vincerai mai” infiammandone il desiderio di rivalsa e proprio Kocerka, che ai 1500 metri sono davanti a lui ma che al traguardo si devono inchinare, con Ivanov a trionfare in 8’02″5 contro l’8’07″7 di McKenzie. L’oro va a cingere il collo di Vjaceslav ma l’eccitazione del momento è tale che la medaglia scivola di mano al nuovo re d’Olimpia e cade in acqua… inutili saranno i tentativi di recuperare il prezioso metallo, tanto che il CIO sarà costretto a fornirgliene una copia!

McKenzie, nondimeno, è il rivale più accreditato, e nel corso dei due anni successivi infligge a Ivanov un paio di cocenti sconfitte, sia agli Europei di Duisburg del 1957 e di Poznan del 1958 (dove il sovietico viene relegato sul terzo gradino del podio dall’eterno secondo, Von Fersen, che per quattro volte consecutive conquistarà l’argento continentale), che alla prestigiosa Henley Royal Regatta, tanto che Vjaceslav progetta seriamente di ritirarsi dall’attività. Fortuna vuole che Arkady Nikolayev, ex sciatore di discreto livello, lo convinca a rivedere la decisione di abbandono, rimettendolo sulla retta via, e Ivanov torna a primeggiare agli Europei di Macon del 1959, che registra esattamente lo stesso podio del 1956, ovvero Ivanov, Von Fersen e Kocerka ad occupare le tre prime posizioni, con l’aggiunta del record del mondo di 6’58″8 sulla distanza dei 2000 metri, primo canottiere della storia ad infrangere la barriera dei sette minuti.

Non c’è più traccia alcuna di insicurezza, dunque, nell’Ivanov che si presenta alle Olimpiadi di Roma del 1960 per difendere il titolo conquistato in Australia. E’ vero che qualche giorno prima di salire sull’aereo per la capitale Vyaceslav è stato vittima di un infortunio alla schiena, ma al Lago Albano Ivanov c’è ed è competitivo ai massimi livelli, così come c’è sempre Kocerka a turbare i sogni d’oro del sovietico. Manca McKenzie, costretto a dare forfait per una improvvisa malattia, ma gli avversari più ostici sembrano essere il neozelandese James Hill, che in batteria segna il miglior tempo in 7’19″64 (contro il 7’22″20 di Ivanov), e l’altro Hill, il tedesco di Berlino Est, Achim, che in finale viene tenuto a distanza, oltre sei secondi, per una regata trionfale che vale ad Ivanov la seconda medaglia d’oro olimpica.

Già la storia è stata scritta, se è vero che prima di Vjeceslav, solo l’australiano Bobby Pearce è riuscito a far doppietta olimpica nel 1928 e nel 1932, ed allora l’obiettivo, a questo punto, è completare una ineguagliabile tripletta d’oro quattro anni dopo a Tokyo. E per far questo Ivanov si toglie lo sfizio di diventare il primo campione del mondo della storia, nel 1962 a Lucerna, quando batte il rientrante McKenzie e l’american Cromwell, così come mette in bacheca i titoli europei del 1961 a Praga, davanti al cecoslovacco Andrs e allo stesso Cromwell, e del 1964 ad Amsterdam, stavolta anticipando l’olandese Groen e l’altro statunitense Donald Spero.

A Tokyo si gareggia dall’11 al 15 ottobre, ma la spedizione giapponese nasce sotto i peggiori auspici, visto che la nuova imbarcazione di Ivanov non arriva a destinazione al momento concordato. I vecchi fantasmi tornano a far compagnia all’anima sensibile di Vjaceslav, che per qualche giorno soffre d’insonnia, ed i medici hanno il loro bel da fare per evitare che il campione in carica non venga sopraffatto dal panico. Infine l’armo arriva poche ore prima della batteria, ma i remi non sono i suoi e in gara il sovietico rimane distante da Donald Spero, che lo anticipa di ben dodici secondi, obbligando il canottiere moscovita allo sforzo supplementare della regata di ripescaggio. E sia, infine Ivanov accede all’atto conclusivo, dove ad attenderlo ci sono già Achim Hill, Spero, l’argentino Demiddi, lo svizzero Kottmann che detiene il singolare record di aver vinto una medaglia anche ai Mondiali di Cortina del 1960 nel bob a quattro (!!!) e che di lì a qualche settimana perderà la vita annegando nel Reno nel corso di una dimostrazione militare, e il neozelandese Watkinson. Ed un’altra pagina dell’epica del canottaggio viene firmata da Ivanov, che come suo solito rema (è proprio il caso di dirlo) nelle retrovie, staccato di sette secondi da Hill all’approccio degli ultimi 500 metri di regata, seppur con Spero ampiamente alle sue spalle. Ma qui Vjaceslav ingrana la marcia superiore, pescando nel serbatoio delle energie rimaste e facendo appello allo smisurato orgoglio che tante volte in passato lo ha tolto d’impiccio, rimontando furiosamente per andare a tagliare il traguardo in 8’22″51, 3″73 meglio di Hill che ancora una volta si vede costretto ad accontentarsi della medaglia d’argento.

Per Ivanov la tripletta d’oro è compiuta, a costo di uno sforzo oltre soglia tanto da “essere preda di allucinazioni” prima di oltrepassare la linea d’arrivo, come ha modo di affermare una volta tornato cosciente, ma la leggenda è scritta e l’Olimpo lo accoglie come il più grande di tutti. Poi verrà Karppinen, ma bisognerà attendere ancora un po’. Vent’anni, per l’esattezza.

 

ALBERTO DEMIDDI, IL CANOTTIERE D’ORO ARGENTINO CHE FALLI’ SOLO ALL’OLIMPIADE

Alberto_Demiddi.jpg
Alberto Demiddi – da commons.wikimedia.org

articolo di Nicola Pucci

Al Club de Regatas di Rosario il suo nome è in bellissima mostra tra i campioni che hanno dato lustro al circolo. E che lustro, perchè il canottaggio non è proprio una disciplina tra le più praticate in Argentina. In 120 anni di storia olimpica, in effetti, il paese sudamericano  può vantare solo l’oro di Tranquillo Capozzo e Eduardo Guerrero nel due di coppia ai Giochi di Helsinki del 1952 e… e poi c’è Alberto Demiddi, che se vi avventurate dalle parti del Rio Paranà è qualcosa di molto simile ad un eroe.

Demiddi nasce a Buenos Aires, l’11 aprile 1944, figlio a sua volta di Alberto, italiano che lavora in uno stabilimento balneare, e di Sara Gabay, ragazza russa aperta all’avventura. Ben  presto la coppia si trasferisce a Rosario, dove al papà viene offerto un impiego come insegnante di nuoto al Newell’s Old Boys, e proprio a questa disciplina il piccolo Alberto si avvicina in tenera età, praticando al tempo stesso pure la pallanuoto che non è invece particolarmente gradita al genitore. Tra i cadetti è quinto a livello nazionale in una speciale classificata guidata da quel Luis Alberto Nicolao che nel 1962 sarà primatista del mondo dei 100 metri farfalla, record che durerà fino all’avvento di Mark Spitz nel 1967. Ma la piscina non è il suo pane e a 16 anni Demiddi vira, è proprio il caso di dirlo, verso il canottaggio. E sarà una scelta vincente, pur dovendo assorbire la rottura col padre, un giorno in cui questi lo coglie a fumare un sigaro riempendolo di botte. Non si parleranno per anni.

Demiddi lascia il Newell’s Old Boys passando al Club de Regates che ha come presidente Napoleone Sivieri, la cui figlia, Silvia, anni dopo sposerà Alberto. Napoleone intuisce le doti di Alberto, che ha un fisico da perfetto rematore, ed il gioco è fatto: Demiddi esordisce con una vittoria gareggiando nell’otto ma è attratto dal singolo ed è a quell’imbarcazione che dirotta il suo talento. Trova in Mario Robert l’allenatore che ne affina la tecnica, possente ma allo stesso tempo efficace, e per Alberto è già tempo di collezionare una messe di successi senza precedenti in Argentina.

E’ campione nazionale per dodici anni consecutivi, dal 1962 al 1973, vincendo nel frattempo quattro titoli sudamericani, anche due titoli europei (1969 e 1971) quando è ammesso a gareggiare, due ori ai Giochi Panamericani e il campionato del mondo del 1970 quando a Santa Caterina, in Canada, supera il tedesco Gotz Draeger e il cecoslovacco Jaroslav Hellebrand. Viene invitato anche alla prestigiosa Henley Royal Regatta, che i britannici considerano valga più di un campionato del mondo, e trova modo di classificarsi secondo nel 1964, battuto da Seymour Cromwell, per poi trionfare nel 1971, primo sudamericano a riuscire in un’impresa che verrà ripetuta nel 1980 dall’altro argentino Ricardo Ibarra.

Un duro colpo. Sono stato campione argentino, sudamericano, panamericano, europeo, e del mondo… ho mancato solo un titolo, solo uno l’ho lasciato ai miei avversari. Quando il tedesco orientale Gueldenpfenning è venuto a salutarmi e mi ha detto che ‘avresti dovuto vincere’, mi ha fatto venir voglia di piangere…“, questo disse Alberto Demiddi salendo sul podio alle Olimpiadi di Monaco del 1972. Ma quel giorno, il campione argentino che i rivali chiamavano “la macchina” per l’incedere grintoso e senza sbavature, che spesso li lasciava indietro, era solo secondo, a cogliere una medaglia d’argento che se per molti poteva rappresentare il sogno di una vita che si avvera, per il ragazzone di Rosario altro non era che un fallimento definitivo.

Già, perchè l’avventura a cinque cerchi di Demiddi comincia otto anni prima, a Tokyo 1964, quando in batteria chiude alle spalle dell’americano Donald Spero, campione del mondo di lì a due anni, e del leggendario Vyacheslav Ivanov, oro a Melbourne nel 1956 e a Roma nel 1960, venendo costretto al supplemento di sforzo del ripescaggio per accedere alla finale che infine lo vede quarto in 8’31″51, ai piedi del podio, anticipato dallo stesso Ivanov che cala il tris, 8’22″51, battendo il tedesco Achim Hill e lo svizzero Gottfried Kottmann. Quattro anni dopo, a Città del Messico 1968, Demiddi non è più solo un outsider di belle speranze, ma già un campione che legittimamente punta al successo, seppur secondo in batteria alle spalle del tedesco Jochen Meissner e in semifinale dietro all’olandese Jan Wienese, i due canottieri che proprio ai Mondiali di Bled del 1966 hanno occupato i due gradini più bassi del podio, battuti da Spero. All’atto conclusivo Wienese, Meissner e Demiddi, con l’aggiunta dell’americano John Van Blom che sarà quarto per un soffio, si giocano le medaglie ed infine a prevalere è l’olandese, che nelle acque del Virgilio Uribe Rowing and Canoeing Course, a Xochimilco, ha la meglio in 7’45″48, contro il 7’47″98 del teutonico e il 7’49″85 dell’argentino, bronzo, che regala al suo paese la seconda medaglia olimpica del canottaggio, a 16 anni dall’impresa d’oro di Capozzo e Guerrero.

Ma è ai Giochi di Monaco del 1972 che Demiddi punta grosso, forte del successo iridato del 1970. Alberto domina la sua batteria, così come la semifinale, ed appare il favorito dell’atto conclusivo che vede allinearsi al via un cliente pericoloso come il sovietico Yury Malyshev, a sua volta velocissimo nei due turni eliminatori. I genitori di Alberto hanno i biglietti d’ingresso alla Olympic Reggatta Course in Oberschlessheim, ma scaramanticamente se ne restano fuori, sperando infine nella vittoria del figlio, che altrettanto scaramanticamente porta calzettoni rossi e ha con sè una catenina di Romolo e Remo allattati dalla Lupa. Macchè. La sfida tra Malyshev e Demiddi è avvincente, combattuta a colpi di remo e all’ultima stilla di energia, ma il traguardo premia infine il sovietico, che in 7’10″12 contro 7’11″53 nega ad Alberto la realizzazione del suo sogno d’oro.

Quella vittoria olimpica sfuggita sarà il grande rimpianto che accompagnerà per sempre Alberto Demiddi, tanto che la morte il 25 ottobre 2000 per un tumore allo stomaco, a soli 56 anni, parrebbe quasi un male minore. Ma a Rosario, il canottiere Demiddi, è un eroe, ed ancor oggi chi lo ricorda si toglie il cappello.

GERT FREDRIKSSON, IL CANOISTA SVEDESE COLLEZIONISTA DI MEDAGLIE

Gert_Fredriksson_1959cr
Gert Fredriksson – da wikimedia.org

articolo di Giovanni Manenti

Quando si parla della Svezia, in ambito sportivo, al di là di taluni talenti calcistici sbocciati principalmente nell’immediato dopoguerra – dal famoso trio rossonero “Gre-No-Li” (Gunnar Gren, Gunnar Nordahl e Nils Liedholm) alla guizzante ala Kurt Hamrin od al centravanti Hasse Jeppson, per il quale il Comandante Achille Lauro sborsa oltre 100milioni negli anni ’50 per portarlo al Napoli – il pensiero va a due personaggi che ne hanno fatto la storia nelle rispettive specialità, vale a dire il tennista Bjorn Borg (peraltro ben coadiuvato, in seguito, dai connazionali Mats Wilander e Stefan Edberg) e lo sciatore Ingemar Stenmark, due autentiche icone degli sport citati.

Ma, se si va a scavare un po’ più indietro nel tempo, ci si accorge che, senza nulla togliere allo spessore degli atleti sopra ricordati, ve ne è un altro che, quantomeno in sede olimpica e mondiale, non ha niente da invidiare a cotanto consesso, ed anzi, rappresenta l’alfiere del proprio Paese in una specialità, come la canoa, di cui è stato per oltre un decennio il dominatore assoluto.

Il nominativo in questione altri non è che Gert Fredriksson, il quale nasce il 21 novembre 1919 a Nykoping, posta sul Mar Baltico 100 chilometri a sud-ovest della capitale Stoccolma, e dove, all’età di 17 anni inizia ad avvicinarsi al mondo della pagaia, affascinato dalle possibilità offerte dalla pratica della canoa nel meraviglioso arcipelago in cui si affaccia la sua città.

Una passione che si sviluppa in fretta, tanto da essere aggregato, come riserva, alla squadra nazionale svedese già nel 1939, a 20 anni non ancora compiuti, periodo che, purtroppo, vede l’umanità intera doversi scontrare con ben più gravi e tragici problemi che non andare per mare a vogare.

Gli eventi della seconda guerra mondiale, con la cancellazione delle Edizioni del 1940 e 1944 dei Giochi olimpici, probabilmente possono aver tolto qualche possibilità in più per arricchire il proprio medagliere a Fredriksson, ma, di contro, hanno al medesimo consentito di acquisire la giusta condizione fisica e mentale, fatta di continui e proficui allenamenti, per essere pronto, già avvicinandosi alla soglia dei 30 anni, per raccogliere le sfide in sede sia olimpica che mondiale, avendo già iniziato a raccogliere titoli in patria – saranno 32 in totale, di cui 16 nel K-1 1000m., 15 nel K-1 10.000m. ed uno nel K-1 500m., in un arco temporale che va dal 1942 al ‘60 – così come raccoglie altri 17 successi nei “Campionati nordici” dal 1946 al ’55.

La disciplina della canoa in senso lato è costituita da due differenti specialità, la canoa cosiddetta “canadese” che si pratica in ginocchio sull’imbarcazione ed una pagaia a pala singola che consente di remare da un solo lato, ed il kayak che, al contrario, prevede una posizione seduta con una pagaia a doppia pala che consente di remare su entrambi i lati, e specialisti in questo sport sono da sempre gli atleti tedeschi, i quali vantano 36 medaglie d’Oro alle Olimpiadi (cui ne vanno aggiunte 14 conquistate dalla ex Germania Est), seguiti dall’Unione Sovietica a quota 29 (oltre 7 appannaggio delle varie repubbliche indipendenti ad avvenuta disgregazione dell’impero sovietico) e dall’Ungheria con 25.

Bello notare che, alle spalle di queste super potenze, si piazza la Svezia, con 30 medaglie complessive, di cui 15 d’Oro, delle quali ben 8 (e, soprattutto, 6 del metallo pregiato) sono state messe al collo di Fredriksson, il quale è, pertanto, l’atleta in assoluto più medagliato nella storia dei Giochi per quanto riguarda il suo Paese, nonché il canoista maschile a vantare tale primato per quanto attiene a detta singola disciplina, essendo superato solo dalla tedesca Birgit Fischer-Schmidt, capace in 6 edizioni (dal 1980 al 2004, saltando per boicottaggio il 1984, rappresentando, all’epoca, la ex Ddr) di vincere 12 medaglie, di cui 8 Ori.

Il tuffo nell’oro inizia per Fredriksson alla riaccensione del sacro fuoco di Olimpia ai Giochi di Londra ’48, il cui programma prevede due gare ben diverse l’una dall’altra, vale a dire il K-1 1000m (distanza che si copre in meno di 5’) ed il K-1 10.000m., una sorta di “maratona della pagaia” che vede i canoisti impegnati per quasi un’ora in una prova assolutamente massacrante.

Diverso, come accade in molti altri sport, il programma dei Mondiali, allargato ad altre gare e che, stante il ritorno all’attività sportiva dopo gli eventi bellici, si disputano in contemporanea ai Giochi, così che Fredriksson può gareggiare in quattro prove, di cui due valide per le medaglie olimpiche ed altrettante per il titolo iridato.

Iniziando da queste ultime, il 29enne svedese, il quale non fa molta distinzione tra prove di sprint o di resistenza, inaugura il proprio palmarès con il titolo iridato del K-1 500m. superando il connazionale Lars Glasser (2’14”2 a 2’15”0), insieme al quale ed ai compagni Lars Helsvik e Lennart Klingstrom, si aggiudica anche la gara della staffetta K-1 4x500m., con netto vantaggio sulle altre imbarcazioni scandinave di Norvegia e Danimarca, giunte nell’ordine.

La musica non cambia per l’assegnazione del podio olimpico, con le imbarcazioni che scendono in acqua l’11 agosto per la Finale del K-1 10.000m. che Fredriksson si aggiudica con il tempo di 50’47”7 precedendo il finlandese Kurt Wires ed il norvegese Elvin Skabo, per poi non risentire minimamente della fatica allorché, il giorno appresso, si presenta sull’incantevole bacino di Henley, sul Tamigi, per affrontare la più corta distanza del K-1 1000m., vinta con un distacco di quasi 7” (4’33”2 a 4’39”9) sul danese Kobberup che non trova riscontro nella storia dei Giochi, con il francese Henri Eberhardt, già quinto sui 10km., ad inserirsi nel dominio nordico conquistando il bronzo.

Che, al momento, la disciplina sia un “affare interno” al mondo scandinavo se ne ha la conferma, due anni dopo, in occasione della rassegna iridata di Copenaghen ’50, in cui le 9 gare in programma del kayak vedono sette successi svedesi ed uno a testa di Danimarca (nel K-1 500m. con Kobberup) e Finlandia, ma è proprio il finnico Thorvald Stromberg – di 12 anni più giovane dello svedese – ad infliggere a Fredriksson una delle sue rare sconfitte, superandolo nella Finale del K-1 10.000m., nel mentre il campione olimpico non ha difficoltà ad affermarsi con il K-1 1000m., precedendo lo stesso  Stromberg, e con la staffetta K-1 4x500m. davanti al quartetto danese.

Un brutto cliente, “da prendere con le molle”, questo giovane finlandese, il quale tiene ovviamente a ben figurare alla successiva, per lui importantissima occasione, costituita dalle Olimpiadi che si svolgono giustappunto in Finlandia, ad Helsinki ’52 nello splendido bacino di Taivallahti, ad un chilometro di distanza dallo Stadio Olimpico.

Con il calendario che prevede, come quattro anni prima, la disputa per primo del K-1 10.000m., in programma il 27 luglio ed il giorno seguente la Finale del K-1 1000m., i due favoriti si distaccano nettamente dal resto degli avversari per fare gara a sé nella “Maratona del kayak”, con Fredriksson a restare nella scia del suo più giovane rivale, salvo restare folgorato, al momento dell’attacco conclusivo, dalla freschezza del 21enne Stromberg, il quale si impone infine con ragguardevole distacco di oltre 11” (47’22”8 a 47’34”19), con il tedesco Scheuer, bronzo, a debita distanza.

Se, da un lato, 12 anni di distanza rappresentano un indubbio vantaggio dal punto di vista della vigoria fisica, dall’altro l’esperienza gioca pur sempre un indubbio punto a favore dell’atleta più anziano, circostanza che Fredriksson sfrutta appieno il giorno dopo, nella Finale del K-1 1000m., iniziando a sprintare sin da metà percorso, una tattica che trova impreparato Stromberg, il cui tentativo di rimonta si infrange al di sotto dei 2” (4’07”9 a 4’09”7) che separano le due imbarcazioni sulla linea del traguardo, mentre il tempo di 4’20”1 fatto registrare dal francese Louis Gantois, terzo arrivato, la dice ben lunga sul divario esistente tra la coppia scandinava ed il resto del lotto.

L’inesorabile avanzare dell’età, consiglia all’oramai quasi 35enne svedese di risparmiarsi le fatiche dei 10 chilometri – il cui titolo va all’ungherese Ferenc Hatlaczki, di cui sentiremo di nuovo parlare – per concentrarsi sulle più brevi distanze che il programma iridato prevede, ed ecco che, ai Mondiali di Macon ’54, in Francia, Fredriksson incrementa la propria collezione di medaglie con gli Ori nel K-1 500m., K-1 1000m. e con la conferma del titolo nella staffetta K-1 4x500m., per poi prepararsi ad affrontare la sua terza esperienza olimpica, ai Giochi di Melbourne ’56.

Occorre a questo punto fare una doverosa precisazione per replicare a chi – sia pur a giusta ragione – può obiettare come i successi dei rematori scandinavi, e pertanto anche di Fredriksson, siano stati favoriti dal fatto che tale regione avesse subito in misura minore l’impatto con gli eventi del secondo conflitto mondiale, ma una tale considerazione si scontra con la circostanza derivante dalla conferma di come, con tutte le Nazioni oramai a pieno regime in ambito sportivo, nonché con i rappresentanti dell’Unione Sovietica a far parte dell’arengo olimpico già dai Giochi di Helsinki ’52, lo svedese rappresenti ancora un ostacolo per quasi tutti insormontabile, a dispetto del fatto che si stia incamminando verso le 40 primavere.

Prova provata è quel che accade sulle acque del Lago Wendouree il 30 novembre 1956, esattamente 11 giorni dopo il compimento dei 37 anni da parte di Fredriksson, allorché lo svedese infligge un distacco di quasi 10” (47’43”4 a 47’53”3) al campione iridato ungherese Hatlaczky, di quasi 15 anni più giovane, mentre il detentore del titolo olimpico, Stromberg, conclude non meglio che quarto ad oltre mezzo minuto di distacco.

E se, come luogo comune, suole dirsi che con l’età aumentano le doti di resistenza – anche in atletica, la quasi totalità dei maratoneti si avvicina a detta prova dopo essersi cimentata per anni in pista sui 5 e 10mila metri – un punto pertanto a favore di Fredriksson, come si può spiegare il fatto che anche sulla più corta distanza del K-1 1000m. il 25enne sovietico Igor Pissarov non sia stato capace di tenere il ritmo dello svedese che va a conquistare, in 4’12”8 il suo terzo Oro consecutivo in tale prova (impresa a tutt’oggi ineguagliata …) se non con la semplice constatazione che lo svedese è stato il più forte canoista di tutti i tempi.

Con 5 Ori individuali ed un argento in sede olimpica, ce ne sarebbe più che a sufficienza per “attaccare la pagaia al chiodo”, anche perché gli anni passano pure per le “leggende” e la concorrenza si fa sempre più dura ed aggressiva, come dimostra l’esito dei Mondiali di Praga ’58, prima rassegna iridata che non vede Fredriksson salire sul gradino più alto del podio, dovendosi accontentare dell’argento con il K-1 500m. e del bronzo sia con il K-1 100m. che con la staffetta K-1 4x500m., mentre il redivivo Stromberg torna al successo nel K-1 10.000m., prova che però viene esclusa dai Giochi Olimpici di Roma ’60 in favore dell’introduzione della staffetta K-1 4x500m.

E, proprio dalla staffetta che lo aveva visto per tre volte campione mondiale, giunge la delusione della mancata qualificazione per la Finale a sei sul bacino del Lago Albano, per la sfortuna di essere, il quartetto svedese, inserito nella più veloce delle tre semifinali, in quanto il tempo di 7’55”05 realizzato avrebbe consentito l’accesso all’atto conclusivo in entrambe le altre serie, ma Fredriksson se ne fa comunque una ragione, in quanto il 29 agosto deve disputare le ultime gare della sua straordinaria carriera, vale a dire le Finali del K-1 1000m. e del K-2 1000m., in coppia con Sven-Olov Sjodelius, prima volta ai Giochi che lo svedese non si esprime in una prova individuale.

A 40 anni già compiuti, Fredriksson è in ogni caso ancora in grado di dire la sua, scendendo per la prima volta sotto i 4’ in sede olimpica nella gara individuale, il cui 3’55”89 gli vale l’unico bronzo a cinque cerchi della carriera, con il gradino più alto del podio appannaggio del danese Erik Hansen in 3’53”00 e quindi mettendo la più classica delle “ciliegine sulla torta” cogliendo un fantastico Oro con il K-2 1000m. in una Finale in cui gli Dei di Olimpia strizzano un occhio al loro eroe, dato che l’armo svedese si afferma per l’inezia di appena 0”18 centesimi (3’34”73 a 3’34”91) sugli ungheresi Mészaros/Szente.

Il contributo alla causa olimpica svedese di Fredriksson non si conclude comunque con l’addio all’attività agonistica in quanto, assunto l’incarico di Capo Allenatore della propria Federazione, non può certo considerarsi un caso il fatto che, quattro anni dopo, in occasione dei Giochi di Tokyo ’64, la bandiera con la croce gialla in campo blu rappresentante il Paese scandinavo continui a sventolare sul più alto pennone durante la cerimonia di premiazione della gara del K-1 1000m. (vinta da Rolf Peterson), così come per l’esito del K-2 1000m., in cui ad aggiudicarsi l’Oro è la coppia formata da Gunnar Utterberg e dal compagno di Fredriksson a Roma, Sven-Olov Sjodelius.

Come stupirsi, pertanto se, ad un atleta di così alto lignaggio – ed al quale, per le sue imprese ai Giochi di Melbourne ’56, il Comitato Olimpico Internazionale assegna il trofeo di “Miglior Sportivo dell’anno”, unico canoista a ricevere tale riconoscimento – successivamente alla sua scomparsa, avvenuta il 5 luglio 2006 ad 87 anni, la sua città natale di Nykoping abbia addirittura dedicato una statua che ne simboleggia la grandezza, non solo sportiva, ma anche umana …