IOANNIS MELISSANIDIS, IL CUI ORO OLIMPICO NASCE DALL’AMORE PER LA DANZA

oly-gym-rdp.1
Ioannis Melissanidis – da:nytimes.com

Articolo di Giovanni Manenti

L’oramai intervenuta globalizzazione nel Mondo dello Sport ha contagiato – quanto meno avendo riferimento al solo settore maschile, visto che al femminile continuano a dominare russe, cinesi, rumene ed americane – anche una Disciplina come la Ginnastica Artistica, praticamente elitaria sino a fine anni ’70 …

A dimostrazione di tale affermazione, valgano le aride cifre che – nelle cinque edizioni delle Olimpiadi che vanno da Roma 1960 a Montreal 1976 – evidenziano come le 43 (40 più 3 ex aequo …) medaglie d’Oro in palio siano state assegnate ad atleti di sole 7 Nazioni, e tra queste ben 23 hanno visto premiare un ginnasta giapponese e 14 un rappresentante dell’ex Unione Sovietica.

Se si fa, al contrario, un identico paragone con le ultime 5 edizioni dei Giochi che hanno interessato il nuovo Millennio – pertanto, da Sydney 2000 a Rio de Janeiro 2016 – lo scenario è ben diverso, con ben 19 Paesi a salire sul gradino più alto del Podio ed – a eccezione di Pechino 2008 dove 7 Ori su 8 in palio vengono vinti dalla Cina – con elevato frazionamento nelle varie specialità.

Basti pensare che, in tale ultimo periodo, fanno il loro ingresso nell’Albo d’Oro Nazioni come Gran Bretagna, Spagna, Corea del Sud, Brasile, Polonia, Lettonia e Canada che in un intero secolo non avevano mai avuto il privilegio di vedere la loro bandiera issata sul più alto pennone in occasione delle cerimonie di premiazione.

Ciò sta a testimoniare che – a parte i Concorsi Generali Individuale ed a Squadre, dove è necessaria una versatilità e qualità tecniche che non possono che appartenere a “Scuole consolidate” quali quelle di Cina, Russia, Giappone ed, in tempi recenti, anche Stati Uniti – qualsiasi Paese è in caso di presentare un proprio, singolo “specialista” che, senza alcuna pretesa nel Concorso Generale, può dire la sua allorché si cimenta all’attrezzo dove è in grado di esprimersi al meglio …

Questo frazionamento di allori è solo in parte derivante dalla disgregazione dell’impero sovietico, visto che i migliori ginnasti provenivano dalla Russia, come conferma il fatto che nelle ricordate ultime edizioni si mettono al collo la medaglia d’oro solo un atleta lettone e due ucraini, mentre il fuoriclasse bielorusso Vitaly Scherbo – l’ultimo grandissimo interprete della Disciplina – portò in dote le sue 6 medaglie d’Oro ai Giochi di Barcellona ’92 sotto la bandiera della “Comunità degli Stati Indipendenti, iniziando a rappresentare il suo Paese di nascita dai Mondiali di Birmingham dell’anno seguente.

Il paragone “1960-‘72/2000-‘16” evidenziato per fasce temporali omogenee, ha però avuto il suo inizio, quanto a frazionamento di successi, in occasione dei Giochi di Atlanta 1996, allorché sulle 8 medaglie d’Oro in palio, la sola Russia se ne aggiudica due (Concorso Generale a Squadre e Volteggio con Alexei Nemov), mentre il Concorso Generale Individuale ha visto emergere il cinese Li Xiaoshuang, ed i singoli attrezzi hanno premiato il tedesco Andreas Wecker alla Sbarra, l’ucraino Rustam Sharipov alle Parallele, lo svizzero (di chiare origini cinesi …) Li Donghua al Cavallo con Maniglie ed il nostro Yuri Chechi a sfatare la “Maledizione olimpica” agli Anelli …

Ne manca uno, quello che, difatti, non è un attrezzo, bensì un “Esercizio a Corpo Libero” e qui ad emergere è il protagonista della nostra Storia odierna, per il quale cimentarsi su di una pedana all’interno di un Palazzetto è una “sorta di ripiego” rispetto a quelle che erano le sue aspirazioni giovanili, avendo preferito ben altri e più celebri palcoscenici, come il “Teatro Bolscioi” di Mosca …

Già, perché Ioannis Melisssanidis, cui è dedicato il nostro racconto, avrebbe voluto studiare Danza Classica dal momento che, assieme alla sua famiglia, aveva fatto ritorno in Grecia, a Salonicco, all’età di due anni, dopo essere nato il 27 marzo 1977 a Monaco di Baviera, in Germania, dove i genitori Evaggelos ed Aikaterini all’epoca lavoravano.

La passione per il ballo prende il piccolo Ioannis all’età di poco più di 9 anni, non incontrando però l’approvazione dei genitori che, secondo quanto dalla stessa futura Gloria Olimpica riferito, acconsentirono a fargli praticare quantomeno la Ginnastica artistica dopo che il bambino si era rifiutato di mangiare per due giorni …

Costretto a praticare quella che per lui altro non è che una “seconda scelta”, è evidente che il giovane Ioannis eccelli nelle due specialità ginniche che più si avvicinano al ballo, ovverossia il Corpo Libero ed il Volteggio, dove grazia ed eleganza si fondono ben più che agli attrezzi dove predomina la forza fisica, dando immediata dimostrazione di ciò ai Campionati Europei Juniores 1991, dove conquista il bronzo al Corpo Libero precedendo futuri Campioni mondiali assoluti quali il bielorusso Ivan Ivankov ed il bulgaro Yordan Yovchev.

Ed allorché due anni dopo, nella stessa Rassegna Continentale Juniores, Melissanidis sale sul gradino più alto del podio al Corpo Libero e si pone su quello più basso al Volteggio, non sono in pochi a profetizzare che in vista dei prossimi appuntamenti iridati ed olimpici occorra fare i conti soprattutto con lui …

Previsione che prende quanto mai più corpo dopo l’esito dei Campionati Mondiali ’94 svoltisi a fine aprile a Brisbane, in Australia, dove solo il citato fuoriclasse bielorusso Scherbo è in grado di far meglio del 17enne greco al Corpo Libero, totalizzando 9,725 rispetto al 9,687 con cui viene premiato Melissanidis, il quale divide il secondo gradino del podio con il britannico Neil Thomas.

A dare ancor maggior valore all’impresa del ginnasta greco valga il fatto che egli diviene il primo del suo Paese, di entrambi i sessi, ad aver conquistato una medaglia iridata, anche se nel biennio successivo non conferma le aspettative, non riuscendo a qualificarsi per le Finali di alcuna specialità sia alla Rassegna di Sabae 1995 che di San Juan de Portorico 1996, che vedono, peraltro, Scherbo confermare il titolo al Corpo Libero …

Circostanze tutte che inducono a ritenere il bielorusso il grande favorito anche ai Giochi di Atlanta che si svolgono dal 20 luglio al 4 agosto 1996 e che, viceversa, rappresentano il suo, inatteso, passo d’addio, pur riuscendo a conquistare quattro medaglie, ma del solo metallo di bronzo, quasi un’offesa per un atleta del suo livello.

Gradino più basso del podio che viene salito da Scherbo nel Concorso Generale Individuale così come al Volteggio, alla Sbarra ed alle Parallele, mentre sono in molti a scommettere che, sia pur in fase calante, sia per lui difficile farsi sfuggire l’Oro al Corpo Libero dove, ricordiamo, vanta tre argenti iridati consecutivi dal 1991 al ’93, cui sono seguiti altrettanti titoli nel triennio successivo …

1841219d0f11ef6ec6dbe92af0632849
Melissanidis – da:pinterest.ca

 

Per quanto, al contrario, riguarda Melissanidis, lo stesso concentra su detto esercizio tutte le proprie energie, visto che – sulla base delle premesse elencate all’inizio – i risultati agli altri attrezzi sono alquanto imbarazzanti (33esimo al Volteggio, 75esimo alle Parallele, 81esimo alla Sbarra, 82esimo al Cavallo con Maniglie ed 86esimo agli Anelli, nonché 52esimo al Concorso Generale Individuale …), mentre al Corpo Libero conclude i preliminari al quarto posto con 19,375 punti, alle spalle del russo Yevgeny Podgorny (19,549) e delle due stelle Scherbo (19,462) e l’altro russo Nemov (19,450).

Le nuove norme prevedono però che tali punteggi servino esclusivamente a qualificare i migliori otto ginnasti per contendersi le medaglie, e gli stessi ripartono tutti da zero nella Finale che ha luogo il 28 luglio 1996 al “Georgia Dome” di Atlanta …

Se l’argento iridato di Brisbane di Melissanidis aveva rappresentato la prima medaglia ad un Mondiale per la Grecia, in sede olimpica il Paese ellenico vanta sì due Ori nel Medagliere assoluto, ma occorre precisare che gli stessi risalgono all’edizione inaugurale dei Giochi dell’Era Moderna di Atene 1896, allorché ad affermarsi furono, curiosamente un altro Ioannis, Mitropoulos, agli Anelli e Nikolaos Andriakoupolos alla Fune, e pertanto con una rosa di partecipanti alquanto ristretta …

Ma torniamo alle imprese del nostro uomo, il quale, forse esaltato dall’atmosfera di Olimpia (bene o male terra dei suoi avi …) ed immaginando di trovarsi sul palcoscenico da lui tanto desiderato del Boslcioi, manda in scena un’esibizione ai limiti della perfezione, impreziosita da un’uscita con tre salti mortali in avanti ed uno raggruppato all’indietro che strappa le ovazioni del pubblico presente e, quel che più conta viene premiata dalla Giuria con un 9,90, quattro 9,850 ed un 9,80 per un punteggio finale (vengono scartati il migliore ed il peggior voto …) di 9,850 sufficiente ad assicurargli la Medaglia d’Oro …

53691221_437707226972047_5845393273485565485_n
Melissanidis con al collo l’Oro al Corpo Libero – da:insgain.com 

Alle sue spalle, Scherbo conferma essersi presentato negli Usa non in perfette condizioni, commettendo varie incertezze pagate con un 9,275 che gli vale appena la settima posizione, nel mentre anche Podgorny non tiene fede agli esercizi eliminatori, concludendo non meglio che sesto con 9,550 così che a far compagnia al greco sul Podio di Atlanta sono il cinese Li Xiaoshuang ed il russo Nemov, con 1,837 e 9,800 rispettivamente.

Inutile dire che in Patria Melissanidis viene accolto come una sorta di eroe, avendo peraltro modo di mettersi in evidenza negli anni a seguire ai Campionati Europei di San Pietroburgo 1998, dove si impone al Volteggio e conquista l’argento al Corpo Libero alle spalle del più volte ricordato Nemov.

L’oramai 22enne greco si presenta con fondate ambizioni anche alla Rassegna Iridata ’99 in programma a Tianjin, in Cina, dove si qualifica per le Finali al Corpo Libero ed al Volteggio, ma mentre a quest’ultimo attrezzo deve accontentarsi del settimo posto con un modesto 8,606, nell’esercizio da lui preferito vede sfuggire la medaglia per 0,100 piazzandosi quarto, a pari merito con il bielorusso Vitaly Rudnitsky ed il cinese Yang Wei, tutti accreditati di 9,637 rispetto al 9,737 dell’altro cinese Xing Aowei, nel mentre Nemov conferma il titolo di Losanna ’97 imponendosi (9,787 a 9,750) sullo spagnolo Gervasio Deferr.

Melissanidis pone fine alla propria carriera con la partecipazione ai Giochi di Sydney 2000, dove peraltro si esibisce solo al Volteggio e nel quale – dopo essersi qualificato con il quarto miglior punteggio di 9,737 che, se ripetuto in Finale, gli avrebbe dato un secondo Oro – paga a caro prezzo un’incertezza in fase di atterraggio ed il 9,262 assegnatogli dai Giudici lo posiziona non meglio che settimo.

Ma se Ioannis chiude con la Ginnastica, quest’ultima non si dimentica di lui, inserendo due sue varianti al Volteggio nel “Codice dei Punteggi”, mentre in Patria è lui a far valere la notorietà acquisita in campo sociale quale sostenitore di “Greenpeace” e, nel 2003, appoggia pubblicamente la “Fondazione Melina Mercouri” nella battaglia per restituire alla Grecia i Marmi di Elgin, attualmente custoditi presso il “British Museum” di Londra.

Ovviamente, nella sua città adottiva di Salonicco la Palestra è stata a lui intitolata, così come Melissanidis è stato uno degli ultimi tedofori in occasione delle Olimpiadi che si sono svolte nel 2004 ad Atene, mentre quattro anni dopo, a Pechino, è stato invitato dagli Organizzatori a presenziare ai Giochi, nonché a tenere delle lezioni alle Università quale rappresentante del CIO …

Insomma, non avrà coronato il sogno di esibirsi al Bolscioi, ma in ogni caso la sua naturale predisposizione per il ballo gli ha comunque consentito di costruire qualcosa di positivo …

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...