JEAN ALESI, IL FRANCO-SICILIANO ABBONATO AL PODIO

JEAN
Jean Alesi – da passionea300allora.it

articolo tratto da Cavalieri del rischio

Figlio di siciliani immigrati in Francia, Alesi si fece conoscere nelle formule minori, arrivando nel 1989, anno in cui partecipò pure alla 24 ore di Le Mans, al titolo internazionale di Formula 3000, guadagnandosi nel corso della stagione la chiamata di Ken Tyrrel, scopritore di talenti in cerca del sostituto di Michele Alboreto, appiedato dopo alcune gare a causa di problemi legati alle sponsorizzazioni.

Con la scuderia del boscaiolo il francese mise subito in pista il proprio talento: al debutto in Francia, sul circuito Paul Ricard, partì in ottava fila e concluse al quarto posto, ad un soffio dal terzo gradino del podio su cui salì Riccardo Patrese, arrivando a punti in altre due occasioni, a Monza e in Spagna, riuscendo a chiudere il campionato al nono posto con 8 punti, piazzamento confermato nell’annata successiva (in quel caso i punti furono 13) grazie a due stupendi secondi posti, conquistati l’uno a Phoenix, dopo uno storico duello con sua maestà Ayrton Senna, e l’altro sul difficile tracciato di Montecarlo, sempre alle spalle del fuoriclasse brasiliano.

Frank Williams, attirato dalle prestazioni del giovane francese, gli fece firmare un contratto ma in un secondo momento Jean cedette alle lusinghe della Ferrari che fu costretta a pagare una penale di quattro milioni per affiancarlo ad Alain Prost; Alesi ha sempre dichiarato e dimostrato un grande amore per Maranello, senza mai pentirsi di aver optato per una scuderia destinata ad anni di digiuno, nel momento in cui la Williams dominava la scena.

La prima stagione in Ferrari, 1991, fu caratterizzata da alti e bassi, con alcuni piazzamenti a podio (a Montecarlo dove poteva esprimere appieno le sue capacità di guida, ad Hockenheim e all’Estoril, sempre in terza posizione) e ben otto ritiri, fino al finale di stagione in cui Alain Prost venne cacciato per dissidi con la squadra, lasciando al collega e connazionale il ruolo di prima guida. Purtroppo però la vettura per il 1992, l‘F92 A prima, l’F92 AT poi, si dimostrò ben presto una delusione, obbligando il francese a dover sommare un ritiro dopo l’altro, con alcuni sporadici piazzamenti e due altri terzi posti, a Barcellona e Montreal, in un campionato concluso al settimo posto con 18 punti.

Nel 1993 la musica non cambiò, tanto da indurre il pilota a meditare un cambio di scuderia, con successivo ripensamento: i tempi invernali furono pessimi, mentre il campionato venne condizionato pesantemente dalla scarsa affidabilità della sua F93 A, con ritiri a ripetizione, con l’eccezione dei podi ottenuti sempre a Montecarlo, terzo, e a Monza, dove chiuse al secondo posto dietro a Damon Hill, oltre a far registrare due quarti posti all’Estoril (dove fu in testa per i primi diciannove giri) e ad Adelaide.

Nel 1994 la Ferrari scese in pista con una vettura più competitiva ed affidabile, la 412 T1, permettendo al pilota francese di piazzarsi a punti regolarmente nelle prima parte della stagione, nonostante uno stop dovuto ai postumi di un incidente avvenuto durante i test al Mugello. Vi fu poi un brusco calo di affidabilità che causò una serie di ritiri, tra cui il più “doloroso” avvenne a Monza mentre Alesi era in testa dopo aver ottenuto la prima pole position in carriera, interrotto solo con il terzo posto in Giappone, seguito da un nuovo piazzamento in Australia, che portarono il francese al quinto posto finale in classifica con 24 punti.

Il 1995 fu l’ultimo anno in Ferrari, quello decisamente migliore, e Alesi arrivò finalmente ad ottenere la prima vittoria, a Montreal, proprio nel giorno del suo 31esimo compleanno, superando le due Jordan di Barrichello e Irvine. Secondo in Argentina, ad Imola, a Silverstone e al Gran premio d’Europa, a Monza ancora una volta Jean fu costretto all’abbandono, avvenuto a sette giri dal termine mentre era in testa; in ogni caso fu la stagione della sua consacrazione ad alti livelli, chiusa al quinto posto con ben 42 punti in classifica. Nonostante ciò si consumò il divorzio con la Ferrari in quanto Alesi, oltre ad alcuni diverbi con Todt, non accettò il probabile ruolo di seconda guida dovuto all’arrivo di Michael Schumacher.

Il francese si accasò così alla Benetton, scuderia campione in carica ma fortemente ridimensionata proprio dal passaggio di Schumacher e di altre personalità di spicco in Ferrari, dove corse due anni (sempre in coppia con Berger) confermando le proprie doti e la guida aggressiva, pur senza riuscire a vincere gran premi, chiudendo entrambi i campionati al quarto posto, frutto di numerosi piazzamenti e una pole position (a Monza), in un contesto sempre piuttosto teso a causa di rapporti altalenanti con Flavio Briatore.

Dopo molti anni da eterna promessa, tante belle gare ma pochi successi, Alesi non ebbe più l’occasione di guidare per scuderie di primo piano, trascorrendo due stagioni in Sauber (un terzo posto a Spa nel 1998 come miglior risultato), prima di passare alla Prost e chiudere in Jordan con alcuni piazzamenti a punti, ritirandosi dalla Formula 1 alla fine del 2001 in assenza di possibilità di correre per team competitivi, potendo vantare un palmares con una vittoria e ben 32 podi complessivi.

Chiusa l’esperienza nella massima serie, Alesi si dedicò al Dtm, mentre nel 2012 corse la 500 Miglia di Indianapolis, pur senza tagliare il traguardo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...