EDOARDO MANGIAROTTI, NELLA SCHERMA COME LUI NESSUNO MAI

Edoardo-Mangiarotti.jpg
Edoardo Mangiarotti – da sportfair.it

articolo di Gabriele Fredianelli

Se si toglie il marziano statunitense Phelps (28 medaglie) e i due sovietici della ginnastica Larisa Latynina e Nikolaj Andrianov (15 a testa), subito dopo c’è lui tra i plurimedagliati della storia centenaria dei Giochi. Edoardo Mangiarotti: 13 tra ori, argenti e bronzi, in cinque edizioni e saltandone per la guerra le due potenzialmente più prolifiche a 21 e 25 anni. Un dominatore della scena internazionale della scherma, tra spada e fioretto, da Berlino 1936 a Roma 1960. Nessuno ha vinto quanto lui, nella scherma, e in fatto di ori soltanto un altro schermidore ha fatto meglio: lo sciabolatore ungherese Aladar Gerevich, 7 contro 6. E, quanto a titoli mondiali, il suo palmares parla di altre 26 medaglie, di cui 13 d’oro. E poi Universiadi, Giochi del Mediterraneo, sette titoli italiani.

Ma quella di Edoardo Mangiarotti è la storia di una famiglia intera: lui, i fratelli Dario e Mario, perfino la madre Rosetta e soprattutto il papà Giuseppe, uno dei padri fondatori della scherma italiana moderna. E poi ancora le altre donne: Eugenia Gavezzeni, moglie di Mario e campionessa italiana di fioretto a squadre; Camilla Castiglioni, moglie di Edoardo, schermitrice e presidente del circolo della Spada che porta il nome di famiglia; Carola, fiorettista, figlia di Edoardo, due volte presente alle Olimpiadi di Montreal 1976 e Mosca 1980.

Cominciamo da lui, dal padre fondatore, Giuseppe. Figlio di un ricco avvocato pavese e della famosa soprano austriaca Adelina Stehle, atleta a tutto tondo (dalla ginnastica al canottaggio al sollevamento pesi), venditore delle prime automobili a Milano a inizio Novecento, dopo i vent’anni incrocia per caso la spada. Comincia a tirare sul serio nel 1906, sotto la guida prima del siciliano Lancia di Brolo e poi del lombardo Colombetti. Un paio di anni dopo è già alle Olimpiadi di Londra del 1908, dove fa una buona figura pur non passando il primo turno. Dopo aver insegnato scherma anche a Budapest, lascia il palcoscenico agonistico ai figli, rimanendo pure uno dei maestri più reputati in Europa, attivo nel suo circolo e nell’altra prestigiosa sala meneghina del Giardino.

Ed è proprio al Giardino che i fratelli Mangiarotti muovono i primi passi. Edoardo, nato nel 1919, a diciassette anni è già oro olimpico a Berlino, come titolare nella squadra di spada che arriva davanti a Svezia e Francia. Insieme a lui, gli altri milanesi Cornaggia-Medici, Riccardi e Brusati, il piemontese Pezzana e il veneto d’adozione Ragno. Destro naturale, Edoardo viene abituato dal padre a tirare con la mano mancina, così come viene spinto a curare la forma fisica confrontandosi con altre discipline, compreso il pugilato.

Se la guerra gli porta via gli anni sportivamente migliori, quando lo sport ricomincia Edoardo è ancora ai vertici. Tenere il conto di tutti i successi internazionali è impossibile, dal Cairo a Filadelfia, da Stoccolma a Lisbona. Ai Giochi di Londra 1948 arriva l’argento nella spada a squadre dietro la Francia e il bronzo individuale nella prova vinta dal connazionale Cantone. Ma sarà Helsinki 1952 il punto più alto della sua carriera. Partecipa a quattro gare, tra fioretto e spada: conquista due ori nella spada e due argenti nel fioretto. Nella spada individuale è l’apoteosi della famiglia Mangiarotti: primo Edoardo, secondo il fratello Dario, poi insieme vincitori nella competizione a squadre sulla Svezia e la Svizzera. Nel fioretto è invece secondo dietro al francese D’Oriola, sua eterna bestia nera, e a squadre ancora dietro la Francia.

A Melbourne, quattro anni dopo, è doppio oro a squadre nel fioretto e nella spada rispettivamente su Ungheria e Francia e bronzo nella spada individuale, dietro gli altri due italiani Pavesi e Delfino. Chiude a Roma, nel 1960, con altre due medaglie: l’oro nella spada a squadre e l’argento, dietro l’Unione Sovietica, nel fioretto a squadre.

Con quell’edizione dei Giochi, e col suo ritiro, finisce anche l’epoca d’oro della spada italiana: tra 1932 e 1960, gli atleti azzurri avevano vinto sei titoli individuali consecutivi (Cornaggia-Medici, Riccardi, Cantone, Mangiarotti, Pavesi e Delfino) e quattro su sei a squadre (più due argenti). Da allora è arrivato soltanto un altro alloro individuale con Tagliariol nel 2008, quasi mezzo secolo dopo, e due a squadre nel 1996 e 2000. La sua rivalità con Nedo Nadi, pur a distanza di una generazione abbondante sotto il profilo cronologico rispetto al livornese, da sempre divide gli appassionati come divise fieramente le rispettive famiglie: Nadi vinse ai Giochi soltanto ori (sei, di cui cinque in una sola edizione) partecipando a sole due Olimpiadi; Mangiarotti 13 medaglie, ma un solo oro individuale e in cinque edizioni. Assurdo però stilare classifiche tra due fuoriclasse irripetibili, ognuno a suo modo, e mai incrociatisi sulla pedana.

Anche Edoardo, come Nadi, è stato giornalista sportivo di primo piano per tre decenni, scrivendo (spesso anche delle sue imprese, un attimo dopo la fine delle gare) per la Gazzetta della Sport diretta da Gianni Brera. Ha ricevuto tutte le onorificenze possibili in Italia e all’estero, ha scritto manuali di scherma (“La vera scherma” con Aldo Cerchiari, in cui compare il citatissimo decalogo dello schermidore) ed è stato per due volte portabandiera olimpico nel 1956 e 1960, unico italiano a fare doppietta ai Giochi estivi insieme al marciatore Frigerio, oltre che dirigente della Federazione italiana e di quella internazionale. È morto nel 2012 nella sua Milano a 93 anni. Due anni prima, a 95 anni, se n’era andato anche il fratello Dario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...