ROSSET, DIO D’OLIMPIA COME NON E’ RIUSCITO A FEDERER

rosset_barcelona1992-640x420.jpg
Rosset trionfante a Barcellona 1992 – da tennis-buzz.com

Se Roger Federer, universalmente riconosciuto come il tennista più forte di tutti i tempi, non può vantare nel suo impareggiabile palmares una vittoria individuale ai Giochi, nondimeno questo onore spetta al connazionale Marc Rosset che alle Olimpiadi di Barcellona del 1992 colse a sorpresa la medaglia d’oro.

Al Centre Municipal de Tennis Vall d’Hebron sono allestiti i campi in terra battuta, particolarmente lenti, che dal 28 luglio all’8 agosto accolgono i 32 iscritti al torneo maschile. Sono presenti i primi sei giocatori del mondo, ovvero Courier, Edberg, Sampras, Ivanisevic, Becker e Chang, che aprono il seeding ma non avranno particolarmente fortuna.

Courier, numero 1 del mondo e vincitore in stagione agli Open d’Australia e al Roland-Garros, dopo aver eliminato d’entrata l’indiano Krishnan ed aver demolito l’israeliano Bloom, incoccia agli ottavi proprio in Rosset che lo batte con un clamoroso e netto 6-4 6-2 6-1. Edberg, mai particolarmente a suo agio su terra battuta, fa ancora meno strada, se è vero che esce già al primo turno, sconfitto dal russo Chesnokov, luì si con un buon passato da terraiolo, con un severissimo 6-0 6-4 6-4. Un altro russo, altrettanto abile su questa superficie, Cherkasov, elimina Sampras agli ottavi rimontando due set di svantaggio, mentre lo stesso Becker, dopo due sofferte vittorie con il norvegese Ruud e il marocchino El Aynaoui, perde a sua volta sempre agli ottavi, rimbalzando contro le giocate da prestigiatore del francese Santoro, che si impone 6-1 3-6 6-1 6-3. Chang, infine, si ferma al secondo turno contro la regolarità del brasiliano Oncins, e così tra i principali favoriti alla vittoria l’unico a far strada è il croato Ivanisevic, che denuncia spirito di sacrificio e animo da combattente venendo a capo di ben quattro sfide risolte al quinto set, con il portoghese Mota, l’olandese Haarhuis, l’altro svizzero Hlasek e proprio Santoro. Ma in semifinale, ormai con il serbatoio delle energie vuoto, si arrende 6-3 7-5 6-2 a Rosset.

Rosset, appunto, che è numero 44 della classifica mondiale, non ha ancora 22 anni e in carriera ha vinto due soli tornei, a Ginevra, dove è nato, nel 1989 e a Lione nel 1990. A Barcellona, però, l’elvetico, che ha talento e può servirsi della sua altezza di 201 centimetri per appoggiare il suo gioco sulla battuta ed un dritto incisivo, realizza un exploit: approfitta del ritiro del marocchino Alami sul punteggio di un set pari al primo turno, schianta 6-4 6-0 6-2 il sudafricano Ferreira al secondo turno, fa altrettanto come detto con Courier agli ottavi, spenge il sogno del beniamino di casa, Emilio Sanchez, ai quarti in quattro set di cui due decisi al tie-break, infine ha la meglio di Ivanisevic per guadagnarsi la finale. Dove trova un’altra sorpresa, l’altro iberico Jordi Arrese, numero 30 del mondo, gran pedalatore da fondocampo e famoso per aver battuto Borg a Montecarlo nel suo penoso tentativo di ritorno alla competizione l’anno prima. Il percorso di Arrese è decisamente più agevole, con vittorie in tre set sul coreano Eui-Jong, l’azzurro Furlan e il messicano Lavalle, una vittoria 9-7 al quinto set con lo svedese Gustafsson al secondo turno, ed il successo in quattro set in semifinale con Cherkasov, 6-4 7-6 3-6 6-3.

La finale è appassionante e ricca di colpi di scena. Fa caldo, quasi 40 gradi, e i due avversari si fronteggiano per cinque set e oltre cinque ore di battaglia. Rosset va avanti 7-6 6-4, Arrese recupera 6-3 6-4 e così la decisione si ha in volata, con lo svizzero che trova la forza per imporsi per 8-6 diventando campione olimpico. Ebbro di felicità sale sul podio e sventola quella bandiera rossocrociata che Federer potrà fare a sua volta solo in doppio, con Wawrinka, a Pechino 2008.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...