L’OCCASIONE D’ORO DI FRANCO RICCARDI A BERLINO 1936

Franco_Riccardi.JPG
Franco Riccardi – da it.wikipedia.org

Franco Riccardi, milanese classe 1905, non è certo un volto insolito a livello internazionale, quando scocca l’ora della prova individuale della spada a cinque cerchi del 1936. L’alfiere azzurro, cresciuto nella Società del Giardino di Milano, in effetti ha già all’attivo tre medaglie olimpiche nella gara a squadre, due ori conquistati ad Amsterdam nel 1928 e proprio a Berlino il giorno prima della prova attesa una carriera intera, e un argento messo al collo a Los Angeles nel 1932.

Alle Olimpiadi di Berlino del 1936, pertanto, il lombardo si presenta con buone prospettive alla gara riservata ad ogni concorrente, disciplina di cui l’Italia è detentrice del titolo, conquistato da Giancarlo Cornaggia-Medici, che quattro anni prima fu medaglia d’oro davanti al francese Georges Buchard e all’altro italiano Carlo Agostoni, stavolta però assenti.

Il primo turno, in effetti, evidenzia l’eccellente stato di forma di Riccardi, inserito nel quinto gruppo, che colleziona sette vittorie su sette assalti, assommando 21 stoccate a favore e solo 8 contro. Nel frattempo Cornaggia-Medici perde qualche assalto di troppo, Saverio Ragno si qualifica nonostante tre sconfitte, la Francia paga l’assenza di uno spadista di levatura mondiale e il brasiliano De Aguilar è l’unico altro atleta a fare percorso netto, sei vittorie in sei incontri.

Al secondo turno Riccardi vince sei assalti sui sette programmati, perdendo a sorpresa solo con l’egiziano Boulad (3-2), ed accede alle semifinali, al pari dei due connazionali Cornaggia-Medici e Ragno, che seppur non brillantissimi evidenziano la chiara superiorità della scuola di spada italiana.

Che si conferma, appunto, in semifinale. Nel primo gruppo, infatti, gli stessi Ragno e Cornaggia-Medici chiudono alle spalle del britannico Campbell-Gray, con il campione in carica che batte quello che altri non è che il papà di Antonella Ragno per 3-0, mentre Riccardi, stavolta battuto dal polacco Kantor e costretto al pareggio dallo svedese Drakenberg, è pure lui secondo dietro al belga Raymond Stasse.

Tre italiani in finale dunque, ed è dominio azzurro, con Riccardi che batte Ragno 3-2 e Cornaggia-Medici 3-1, sopravanzandoli su di un podio tutto tricolore nonostante la sconfitta con l’ungherese Bela Bay e i pareggi con i due belgi Debeur e Stasse e con Campbell-Grey. Riccardi è medaglia d’oro con 13 punti totali, nel giorno in cui diventa padre della piccola Olimpia, Ragno e Cornaggia-Medici chiudono a 12 punti ma la medaglia d’argento finisce al primo che totalizza un vantaggio di tre stoccate in più nel conteggio globale. Per l’Italia è la prima tripletta olimpica della storia. Sarà anche l’ultima…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...