FRANCIA-MESSICO 4-1, LA PRIMA PARTITA MONDIALE DEL 1930

mexfra30.jpg
La Francia ai Mondiali del 1930 – da unehistoiremondiale.fr

Apriamo il dizionario del calcio all’anno 1930 e alla lettera F, come Francia, per rivivere un momento epocale del gioco con la palla ai piedi.

La squadra di football della Francia è in viaggio verso il primo campionato del mondo in Uruguay a bordo del “Conte Verde“, un magnifico piroscafo italiano di 170 metri di lunghezza e 22 di larghezza. Poco propensi a prender parte all’evento, infine i transalpini hanno accettato l’invito della Federazione sudamericana poco più di un mese prima dell’apertura della manifestazione, convinti proprio da Jules Rimet, presidente della FIFA. La Francia non è l’unica squadra imbarcata sul battello in transito per l’Oceano Atlantico, “les Bleus” preparano la Coppa del Mondo a fianco di rumeni e belgi, pure loro in viaggio verso Montevideo. Tra gli altri, abbiamo in nave anche l’arbitro John Langenus, che sarà chiamato a dirigere la finalissima. Per questa prima edizione della competizione, creata dallo stesso Jules Rimet, la Francia allenata da Jacques Caudron è inserita nel gruppo A insieme a tre formazioni del continente americano, ovvero Messico, Argentina e Cile, assolutamente competitive soprattutto le due sudamericane.

Dopo quattordici giorni di traversata, infine la Francia arriva a destinazione il 4 luglio, accolta da una folla oceanica in festa e il 13 luglio 1930, alle ore 15, allo Stadio Pocitos di Montevideo, l’arbitro uruguaiano Domingo Lombardi fischia il calcio d’inizio della gara inaugurale della Coppa del Mondo.

Francia-Messico, dunque, prima partita della storia dei Mondiali. Dopodiché sarà un’avventura affascinante. La Francia si schiera con il 4-3-3, Thepot in porta, Capelle e Mattler difensori centrali, Chantrel e capitan Villaplane sulla fascia, Delfour, Pinel, Laurent a centrocampo, Liberati all’ala destra, Maschinot punta centrale, Langiller attaccante di sinistra. Il Messico si affida al blocco composto dai giocatori del CF Atlante e del Club America. Sotto qualche fiocco di neve, a dar forza all’epica della sfida, Lucien Laurent, centrocampista che presta servizio nel Sochaux, sblocca il punteggio al minuto 19 raccogliendo un passaggio di Ernest Liberati. Non sarà un fenomeno, Laurent, avrà carriera non rivelante, ma rimarrà in eterno il primo marcatore della storia del Mondiali e il suo nome è destinato all’immortalità.

La squadra di Jacques Caudron subisce due colpi non da poco, l’infortunio del portiere Alexis Thépot al minuto 26, rimpiazzato tra i pali dall’esterno sinistro Augustin Chantrel, anche perché all’epoca le sostituzioni ancora non sono consentite. E non lo saranno ancora per molto. Il secondo handicap è il colpo preso da Edmond Delfour che malgrado il dolore resta in campo seppur fisicamente menomato. Tuttavia i francesi non demordono, tanto meno si rassegnano all’inferiorità numerica e prima dell’intervallo vanno altre due volte a bersaglio con i due attaccanti Marcel Langiller, minuto 40, assistito da Mattler e André Maschinot, minuto 43, imbeccato dal claudicante Delfour.

Il Messico, dominato per buona parte dell’incontro, riesce a ridurre il passivo al minuto 70 grazie a Carreno. Ma non può bastare a riaprire la sfida, la Francia è impeccabile e a tre minuti dal fischio finale ancora Maschinot sigilla una prestazione da incorniciare con la doppietta personale che incide il 4-1 definitivo a referto.

Non andrà oltre questa vittoria, la squadra transalpina, battuta in seguito di misura prima dall’Argentina in virtù di un gol di Luis Monti che verrà in Italia a far la fortuna della Juventus, e poi dal Cile, condannata da una rete di Subiabre. Ma la Francia, così come gli Stati Uniti che in contemporanea battono il Belgio 3-0, apre la favola secolare dei campionati del mondo di calcio, e Lucien Laurent – che ha impiegato quattro minuti meno dell’americano Bart McGhee – è titolare di un record che nessuno batterà mai. E questa è già enciclopedia del calcio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...