DIXIE DEAN, IL BOMBER DEL CALCIO INGLESE

dixie dean.jpg
L’elevazione di Dixie Dean – da liverpoolecho.co.uk

articolo di Giovanni Manenti

Sometimes, I liked scoring goals!!! “…William “Dixie” Dean

Quando, al giorno d’oggi, si commentano le strepitose medie realizzative di un Messi o di un Cristiano Ronaldo, la memoria, per ogni appassionato di “British Football“, non può che andare al più celebregoalscorer” d’anteguerra, vale a dire William Ralph “Dixie” Dean, icona di ogni “Everton fan” che si rispetti.

Dean nasce il 22 gennaio 1907 a Birkenhead, sobborgo di Liverpool e da bambino, durante la Prima Guerra Mondiale, si alza alle 4 di mattina per andare a recapitare il latte alle famiglie della sua città, per poi ottenere un impiego in ferrovia (dove già lavora il padre) in cui sceglie i turni di notte per potersi dedicare alla sua grande passione, il “football“.

Il suo amore per l’Everton nasce all’età di otto anni quando, accompagnato dal padre, sale per la prima volta i gradini di “Goodison Park” e la storia narra che, dopo aver esordito nella League con la terza squadra cittadina, il Tranmere Rovers, il giorno in cui viene convocato – a 18 anni da poco compiuti – dal segretario dei “Toffees” per la firma del contratto, abbia percorso di corsa i 4 chilometri di distanza tra la propria abitazione e la sede del club.

Dean non fa assolutamente rimpiangere la fiducia dei dirigenti nei suoi confronti, realizzando 32 reti in 38 gare nella sua prima stagione e mettendo a segno il record di ben 60 centri in 39 presenze nel 1927/28, primato tuttora imbattuto, di cui 15 nelle ultime 7 partite che consentono all’Everton di conquistare il terzo titolo di campione d’Inghilterra della sua storia.

E tutto ciò nonostante che due anni prima, nell’estate del 1926, Dean avesse subito un tremendo incidente alla guida della sua moto che gli aveva causato fratture al cranio ed alla mascella.

Per uno dei tanti misteri del calcio, nonostante Dean si mantenga su ottime medie realizzative, l’Everton nelle due stagioni successive scivola in fondo alla classiifca, retrocedendo in Second Division, ma il buon “Dixie” non è certo il tipo – nonostante le offerte ricevute – che può abbandonare la squadra del suo cuore, contribuendo con 39 reti nel 1931 all’immediata risalita in First Division e, l’anno seguente, alla conquista del quarto titolo di English Champions mettendo a segno 45 goals in 38 apparizioni, per poi concludere il “ciclo di trionfi” con la vittoria, il 29 aprile 1933, nella FA Cup Final a Wembley, superando per 3-0 il Manchester City, con Dean che, ovviamente, apre il punteggio.

Dean lascia il club nel 1938 per approdare, senza grandi risultati, al Notts County, con un impressionante record di 395 reti in 447 presenze complessive, leggermente peggiorato negli ultimi anni di attività, laddove si consideri che al 200mo goal messo a segno in gare di campionato, le relative presenze erano 199.

Dean, sofferente per problemi di salute, scompare con una fine degna di un eroe epico, vale a dire per un attacco cardiaco, l’1 marzo 1980 a 73 anni da poco compiuti, proprio mentre sta assistendo, sulle tribune del “suo” Goodison Park, ad un derby contro gli acerrimi rivali cittadini del Liverpool (che, per la cronaca, si impongono per 2-1).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...